Radio Bruno è musica, TV e informazione. Ascolta la nostra radio, segui i nostri programmi, scopri la playlist, gioca e resta aggiornato sulle nostre news!

.

MARCO MASINI A RADIO BRUNO

marco-masini_foto-di-angelo-trani_d118825_1-b

Marco Masini sarà in diretta nei nostri studi venerdì 17 febbraio, dalle 15, per parlarci di Sanremo, del suo nuovo album e dei suoi nuovi progetti.

Non perderti la diretta!

Potrete seguire la diretta anche in TV (Canale 683 per l’Emila Romagna, 256 per il Nord Italia e 617 per la Toscana) e in streaming sul nostro sito e sulla APP (sezione TV).

marco-masini-diretta-2

SPOSTATO DI UN SECONDO - IL NUOVO ALBUM DI MARCO MASINI

cover_spostato-di-un-secondo-b

TRACKLIST 

1. Ma quale felicità
2. Neltempoincuisonotenutoarestare 3. Spostatodiunsecondo
4. Tu non esisti
5. Invecediscrivertiunacanzone
6. Lamassimaespressioned’amore 7. Guardiamocinegliocchi
8. All’altrocapodiunfilo
9. Qualcosachecercavialtrove
10. La vita comincia
11. Una lettera a chi sarò
12. Signor Tenente

MARCO MASINI racconta “SPOSTATO DI UN SECONDO”

Credo si possa definire un album “di concetto”. Un concetto paradossale. Infatti, più si cresce e più si va alla ricerca di soluzioni estreme e talvolta inconcepibili, per rimediare ai nostri errori e ritrovare il senso di tutto. In ogni brano ho cercato di viaggiare attraverso un tunnel spazio/temporale per capire se ci possa essere anche una sola possibilità di rifare tutto da capo, dopo averlo già vissuto.
Risultato? Forse dobbiamo fare buon uso del potere delle nostre scelte.

1. Ma quale felicità
La necessità di allinearsi con il mondo in cui viviamo, il desiderio di comprenderne di nuovo il senso e riviverne l’energia primordiale, attraverso un’emozione. Il bisogno di condividere tutto questo con la persona che amiamo, ma accorgersi che in quel momento lei è altrove.

2. Nel tempo in cui sono tenuto a restare
Rendersi conto che non sei sempre sincronizzato col tempo che stai vivendo. Forse vorresti addirittura viverne un altro. Andare quindi alla ricerca di alternative in modo da non essere mai schiavo di tutto ciò che potrà arrivare. Fare tesoro degli anni che hai per cercare di non sbandare più a ogni prossima curva, guardare, osservare e cercare di comprendere quello che vedi, ripulendo il tuo presente da ogni distorsione esistenziale. Cercarti attraverso i buoni propositi, le convinzioni, ma anche attraverso le utopie indispensabili.

3. Spostato di un secondo
Se si potesse capire il nostro passato, misurando l’intensità della nostra corsa. Se si riuscisse a ignorare la fretta che condiziona le azioni. Se si imparasse a far implodere i nostri istinti come in un enorme buco nero che modifica il valore del tempo, forse arriveremmo un secondo prima negli stessi istanti e negli stessi posti. Forse potremmo scegliere la cosa giusta da fare. Utopia? Oggi sì, domani chissà. In fondo chi può spiegarci con certezza che cos’è un dejà vu?

4. Tu non esisti
La paura che una persona possa distruggerci attraverso quell’amore che ci illude e ci porta lontano da noi stessi. Che ci comprime così tanto da farci sentire inutili non appena finisce. In questo brano, la paura diventa realtà e soltanto una convinzione può cambiarla: la convinzione che quella persona non esista.

5. Invece di scriverti una canzone
E’ il senso di colpa che spesso ci ferma. E’ il timore di essere giudicati che ci rallenta. E’ l’istinto di ascoltare la nostra fragilità che ci rende diversi da quello che saremmo. Oggi ho capito che qualsiasi scelta noi facciamo è irreversibile. Allora tanto vale agire, entrare, sfondare, senza esitare, come arieti; per prendere a cornate il muro delle esitazioni e cavalcare anche un solo attimo di coraggio. Perché non vivere a pieno la grandezza dell’amore?!

6. La massima espressione d’amore
Il massimo è condividere tutto e non “Quasi”. Concepire il fatto che essere “Noi” sia molto di più che essere “Io”.

7. Guardiamoci negli occhi
Dove sta la verità? Siamo stanchi tutti di andare dietro alle parole e alle note armoniose dei flauti di chi ha la presunzione di saper guidare. Nascondere l’immondizia non servirà più a illuderci di un mondo nuovo e pulito. Ci vogliono i fatti. Non basta soltanto contestare chi “Ha agito male”. Bisogna saper agire nel giusto modo. Tutti quanti. A partire da noi. A partire da adesso.

8. All’altro capo di un filo
Non sempre riusciamo a staccarci da chi amiamo, non sempre riusciamo a capire un errore fatto, per evitare di farne un altro. In amore vorremmo che le cose cambiassero senza impegnarci a cambiarle. Ecco che si perde il contatto con il vero scopo dell’amore stesso. Aiutarci. Il rimanere soli ci può stare; il grande problema è quando non ci si rimane completamente, ma si resta appesi ad un capo di un filo. E magari all’altro capo dello stesso filo c’è qualcuno che ci ha già dimenticati.

9. Qualcosa che cercavi altrove
Andiamo sempre alla ricerca della felicità nei posti più lontani e sbagliati. «La felicità è qui, ce l’hanno data in regalo, in dote. Ma era un regalo così bello che l’abbiamo nascosto. Come fanno i cani con l’osso» Roberto Benigni.

10. La vita comincia
La Vita comincia sempre. Ogni giorno, ogni momento, ogni volta che non la comprendiamo e ogni volta che sembra fuggire via. L’importante non è cercarla, ma farci trovare, perché è lei a cercarci. Sempre. Nonostante noi.

11. Una lettera a chi sarò
Il nasconderci troppe volte dietro al senno di poi, attraverso qualcosa che avremmo voluto fermare e magari rivederne il “Replay” per capire come e dove abbiamo fatto bene e come e dove abbiamo sbagliato. Il tempo che va più veloce di noi. Come rallentarlo? Come ingannarlo? Spedendo una lettera al nostro domani. Magari con le istruzioni !!

12. Signor Tenente
Ho avuto l’onore di incontrare Giorgio negli anni passati. Il piacere immenso di averlo avuto fra il pubblico durante un mio concerto. La possibilità di seguire alcuni suoi consigli artistici e non. L’emozione infinita nel musicare e adattare, a una mia melodia, un suo testo, per poi cantarlo e interpretarlo (Gli anni che non hai). Sarebbe fantastico poterlo fare ancora, ma mi accontento di riarrangiare un suo brano storico ed eterno. Uno di quei rarissimi successi italiani che però nessuno canta mai ai Karaoke o nei piano-bar. Signor Tenente. “Le paure cambiano, ma il risultato è sempre lo stesso”.


Mappa non disponibile

Data e Orario
17/02/2017
15:00 - 15:20


Tag evento


Prossimo evento di Eventi Radio Bruno:

LogoQuizzami
QUIZZAMI
-
27/09/2016 - 31/05/2017