Home Magazine Giorni di vinile 1 agosto 2000: Beyoncé e il Louvre aperto solo per lei, per...

1 agosto 2000: Beyoncé e il Louvre aperto solo per lei, per George Clooney vasca idromassaggio su spiaggetta artificiale. In un libro tutti i capricci dei divi

Di leggende metropolitane intorno alle assurde e bizzarre pretese di molti vip in tournée ce ne sono un’infinità, ma una buonissima percentuale non rimane relegata nei confini della leggenda… ahimé, si trasforma in cruda verità… fortemente penalizzante per chi, in quei momenti, ha, non la Fortuna, ma la Sfortuna, di trovarsi a tiro. E il 1° agosto del 2002 è uscito un libro “Show the Girl the Door“, di cui non risulta traccia per altro, nonostante la mia ricerca minuziosissima (che sia stato stralciato dagli annali??), firmato da un ex tour manager esattamente su tutte le bizze degli artisti.

Prendiamone a caso una, Lady Gaga che tiene molto al suo entourage (niente di male su questo). Il problemino è che consta di ben 150 persone tra cui una cartomante e una sensitiva.

Una tra le più ‘bizzarre’ nelle sue richieste è di certo Mariah Carey che a suo dire ama molto la privacy e per proteggerla pretende di riservarsi un intero piano degli hotel dove risiede nel corse delle sue tournée. Oltre a non bere da nessuno tipo di bicchiere, ma solo utilizzando cannucce.. quindi guai a fargliene mancare!

Shania Twain viaggiava con un cane da fiuto in caso di bombe, a Jennifer Lopez adorando il bianco piaceva che il camerino fosse assolutamente candido compresi fiori e tappeti, Janet Jackson invece non si sarebbe mossa senza una vera e propria squadra medica, tra cui un’infermiera e uno specialista della gola.

Ma non manca neppure l’altera Nicole Kidman, vera maniaca dell’ordine. Leggo che per un soggiorno di sole 12 ore al Four Seasons Hotel di Chicago avrebbe fatto sistemare la su stanza secondo un ‘libretto di istruzioni’ personalmente scritto da lei! Ahiaiaiaii…

Chiudiamo con Katy Perry. Chi l’avrebbe detto che per calmare il suo nervosismo da prestazione pretenderebbe che durante ogni tour – come leggo – ci sia qualcuno a sbucciarle a mano la frutta! (come traduco la vignetta di Charlie Brown terrorizzato?). Inoltre pretenderebbe di trovare nel suo camerino un cesto di primizie da innaffiare con TRE e ripeto TRE bottiglie di Pinot Grigio ghiacciato!

C’est la vie!

Patrizia Santini