Home Sport Toscana Empoli F.C. Altri due gol di testa, altro successo in trasferta. Gli azzurri vincono...

Altri due gol di testa, altro successo in trasferta. Gli azzurri vincono a Pescara: in gol Romagnoli e Moreo.

Servizio di Gabriele Guastella

PESCARA (4-3-2-1) – 1 Fiorillo; 21 Ventola (dal 37′ st 27 Riccardi), 5 Drudi, 16 Bocchetti, 19 Masciangelo; 40 Omeonga (dal 37′ st 6 Scognamiglio), 10 Valdifiori (dal 26′ st 8 Memushaj), 31 Busellato (dal 26′ st 88 Diambo); 37 Maistro, 11 Galano; 7 Bocic (dal 37′ st 18 Belloni). A disp. 46 Alastra, 14 Balzano, 24 Capone, 26 Guth, 34 Fernandes, 44 Jaroszynski, 47 Nzita. All. M.Oddo

EMPOLI (4-3-1-2) – 1 Brignoli; 20 Fiamozzi, 6 Romagnoli, 4 Nikolaou, 3 Terzic; 32 Haas (dal 26′ st 28 Ricci), 5 Stulac (dal 45′ st 30 Damiani), 25 Bandinelli; 10 Moreo (dal 35′ st 9 Olivieri); 19 La Mantia (dal 26′ st 11 Bajrami), 7 Mancuso (dal 45′ st 31 Pirrello). A disp. 12 Pratelli, 22 Furlan, 23 Zappella, 42 Viti, 65 Parisi, 47 Cambiaso, 8 Matos. All. A.Dionisi

Arbitro: Sig. A.Prontera di Bologna (Affatato-Marchi | IV Uff.le Volpi)

Marcatori: 6′ 6 Romagnoli (E), 32′ 37 Maistro (P); 19′ st 10 Moreo (E).

Note: Angoli Pescara 8 Empoli 7. Ammonizioni: al 3′ 25 Bandinelli (E), al 34′ 21 Ventola (P). Espulsioni: -. Recupero: 1′ pt – 4′ st. Spettatori: 1.000 (apertura stadio parziale per emergenza sanitaria).

 

Si gioca all’Adriatico la sfida tra il Pescara, dell’ex empolese Valdifiori, e l’Empoli che invece schiera due ex illustri come il difensore Romagnoli, una promozione con il “delfino” nel 2012, e l’attaccante Mancuso. Nel Pescara spazio ancora a Maistro, in un 4-3-2-1 che vede il solo Bocic terminale offensivo.

L’Empoli di Dionisi invece si schiera con il marchio di fabbrica azzurro “4-3-1-2”. Alla vigilia di questa sfida erano fondamentalmente tre i ballottaggi: Terzic-Parisi per la corsia sinistra, Haas-Ricci per la mediana, e Moreo-Bajrami nel ruolo di trequartista. Il tecnico empolese sceglie Terzic in difesa, Haas in mediana e da ancora fiducia a Moreo sulla trequarti.

PRIMO TEMPO – La partenza è del Pescara, poi però l’Empoli prova ad ingranare la marcia e conquista due calci d’angolo consecutivi. Al secondo tentativo gli azzurri passano in vantaggio. Angolo di Stulac e colpo di testa di Romagnoli che, senza saltare, infila Fiorillo all’angolino basso alla sua sinistra.

La risposta del Pescara allo scoccare del minuto tredici con una conclusione di Busellato sul fondo, non di molto alla destra di Brignoli.

Il Pescara sembra comunque aver subito psicologicamente lo svantaggio e l’Empoli è più determinato. Al 18′ Fiorillo è decisivo su La Mantia, ottimamente servito da Moreo, con il portiere abruzzese a deviare in angolo. Al 21′ è Terzic ad impegnare con una conclusione potente Fiorillo: l’estremo del Pescara con i pugni devia in angolo.

Con il passare dei minuti la squadra di Oddo cresce, merito anche del tecnico degli abruzzesi che cambia modulo, passando al 4-3-1-2 con Galano spostato a fianco di Bocic e Maistro costantemente a disturbare Stulac fino a quel momento padrone della zona centrale del campo. E’ proprio l’ex Salernitana, e proprietà Lazio, Maistro a trovare il gol del pareggio (32′). Un gol molto bello quello del calciatore cresiuto nelle giovanili della Fiorentina: controllo del pallone all’altezza del vertice destro dell’area di rigore, due passi, finta su Nikolaou (apparso un po’ lento nella circostanza, ndr), e conclusione forte quasi all’altezza dell’incrocio dei pali con Brignoli incolpevole.

Ora il Pescara, trovato il pari, è in fiducia e gli abruzzesi provano a sorprendere la squadra di Dionisi, che rischia un minuto dopo ancora con una conclusione di Maistro, questa volta dalla distanza, tiro forte ma sul fondo.

Il Pescara alza il baricentro, l’Empoli che va in difficoltà. Al 46′, nell’unico minuto di recupero comandato dal direttore di gara, Galano a tu per tu con Brignoli viene stoppato all’ultimo istante da Nikolaou che interviene deviando sul fondo. L’angolo poi non viene concesso in quanto il minuto di recupero nel frattempo è scaduto.

Stefano Moreo ai microfoni di Dazn nel dopogara

SECONDO TEMPO – I due tecnici decidono di non effettuare nessun cambio durante l’intervallo e la partita riprende con un sostanziale equilibrio. Un equilibrio che si ha la netta sensazione possa essere nuovamente spezzato da un momento all’altro perché le due squadre iniziano ad allungarsi e dopo l’ora di gioco in poi sono maggiori gli spazi per i terminali offensivi.

La partita si decide nel giro di due minuti. Al 18′ Maistro viene anticipato di un soffio da Stulac, sarebbe stato un calcio di rigore in movimento per l’autore del gol del pari pescarese.

Gli azzurri trovano il gol vittoria della partita nell’azione con cui rispondono all’offensiva precedente. E’ il 19′ quando Fiamozzi pennella da destra un pallone invitante per Moreo che si infila tra Bocchetti e Drudi e spedisce il pallone in rete. La sfera sorprende Fiorillo, sbatte sulla faccia interna del palo alla sinistra del portiere dei padroni di casa e si insacca.

Trovato il vantaggio l’Empoli, con il Pescara riversato in avanti, trova maggiori spazi.

Oddo tenta la carta Memushaj e Diambo per dare maggior dinamismo al centrocampo, Dionisi risponde con gli inserimenti di Ricci e Bajrami. La partita diventa quasi una sfida a scacchi nel tentativo di predominare dal punto di vista territoriale.

L’esultanza del gruppo Empoli al termine di Pescara Empoli

Il Pescara schiaccia l’Empoli sulla difensiva ma con il passare dei minuti Maistro cala e con il centrocampista sembra calare un po’ tutta la forza degli abruzzesi. Oddo lo intuisce e tenta la mossa del tutto per tutto: a otto dal termine effettua un triplo cambio (Belloni, Riccardi e Scognamiglio) e passa ad un iperoffensivo 3-4-3. Il Pescara sbatte però sul muro empolese, schierato ora con il 5-3-2, pensato nel frattempo da Dionisi che inserisce Olivieri e poi Damiani e Pirrello.

Nel finale gli azzurri in contropiede, dopo una grande giocata di Olivieri, sfiorano anche il tris con Mancuso che arriva un attimo dopo il cross da sinistra di Bandinelli, a porta sguarnita.

Finisce 2-1 per gli azzurri che, come a Frosinone, vince segnando ancora due gol di testa, questa volta con Romagnoli e di nuovo con Moreo. Tre punti pesantissimi che proiettano la squadra di Dionisi in vetta alla classifica a pari merito con Cittadella e Salernitana.

 

Il dirigente dell’Empoli Abruzzese soccorso

PREOCCUPAZIONE NEL DOPO GARA – Mentre la squadra stava festeggiando il successo all’interno del cerchio di centrocampo, il dirigente azzurro Abruzzese è caduto accidentalmente dal terreno di gioco all’interno del fossato della panchina dove era stato seduto fino a pochi minuti prima. Immediati i soccorsi, che hanno riportato subito serenità sul momento. Adesso però verrà visitato per degli accertamenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here