Home Sport Toscana Altro 3-3 amaro per il Livorno: la Cuoiopelli pareggia in nove uomini

Altro 3-3 amaro per il Livorno: la Cuoiopelli pareggia in nove uomini

Ritorno al Masini di Santa Croce per affrontare stavolta i padroni di casa della Cuoiopelli con molte assenze, oltre alle note si è aggiunto anche Nunzi.

Terreno pesante, inizio combattuto ed al 4° Borselli per poco non arriva su un cross pericoloso in area; risposta amaranto al 12° con un angolo sul quale protestano i giocatori di Buglio per un fallo di mano ma l’arbitro lascia correre. Prende campo il Livorno che cerca di fraseggiare ma non affonda il colpo; proteste dei locali per un fallo subito in area ma anche qui si prosegue. Alla mezz’ora passa la Cuoiopelli con Rossi che approfitta di un traversone su cui arriva in ritardo Fontana e batte Mazzoni. Al 37° colpo di testa di Ferretti che batte Lampignano ma viene parato con la mano di Falchini, espulsione e rigore che Ferretti trasforma: 1-1 e questo è il risultato con cui si va al riposo.

Ripresa che si apre col Livorno piuttosto lezioso alla ricerca di manovre offensive che peccano di eccessiva lentezza nello sviluppo. Mischia furiosa all’11° in area pisana, ma il Livorno non trova lo spiraglio per tirare in porta. Al 60° punizione di Gelsi che si alza ma Ghinassi non ci arriva di testa. Al 62° Durante rileva Fontana e subito al 66° realizza il secondo gol di testa anticipando il difensore avversario. Intervento da tergo di Rossi al 72° e la Cuoiopelli resta in 9. Ancora Durante pericoloso al 75° ma Lampignano devia in angolo.

Incredibilmente pareggia la Cuoiopelli al 76° grazie ad un colpo di testa di Martinelli. Il Livorno torna però davanti al 78° con Ghinassi che approfitta di un pallone perso da Lampignano.

Finale di partita concitato coi padroni di casa che pareggiano ancora con Bracci abile a beffare in contropiede due difensori amaranto; all’88° Adragna sostituisce Gelsi. Il Livorno ci riprova nel recupero (5 minuti) ma non riesce a segnare il gol vittoria e torna a casa con 1 punto rosso di vergogna.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here