Home Sport Toscana Empoli F.C. AMICHEVOLE | Poker azzurro contro la Lucchese: sprazzi di bel gioco per...

AMICHEVOLE | Poker azzurro contro la Lucchese: sprazzi di bel gioco per l’Empoli di Dionisi.

Servizio di Gabriele Guastella

 

EMPOLI (4-3-1-2): 1 Brignoli (dal 23′ st 22 Provedel); 20 Fiamozzi (dal 30′ st 26 Rizza), 4 Nikolaou (dal 11′ st 23 Pirrello), 6 Romagnoli (dal 36′ st 5 Viti), 3 Terzic (dal 23′ st 21 Zappella); 27 Zurkowski (dal 11′ st 11 Bajrami), 8 Stulac (dal 23′ st 16 Damiani), 25 Bandinelli (dal 30′ st 14 Merola); 10 Moreo (dal 17′ st 15 Fantacci); 19 La Mantia (dal 23′ st 18 Piscopo), 7 Mancuso (dal 23′ st 9 Olivieri). A disp: 12 Pratelli. All.: A.Dionisi

LUCCHESE (4-3-3): 1 Coletta; 2 Cellamare, 5 Solcia, 6 Panariello (dal 17′ st 13 Benassi), 3 Bartolomei; 8 Lionetti (dal 1′ st 16 Meucci), 4 Cruciani (dal 32′ st 19 Panati), 10 Kosovan; 9 Molinaro (dal 1′ st 20 Bitep), 11 Convitto (dal 17′ st 17 Fazzi), 7 Nannelli. A disp.: 12 Forciniti, 14 Nuti, 15 Pardini, 18 Falivene. All.: F.Monaco

ARBITRO: Sig. Cerbasi di Arezzo (Raimo/Jordan)

Marcatori: al 25′ 19 La Mantia (E), al 30′ 10 Moreo (E), al 37′ 7 Mancuso (E); al 27′ st 9 Olivieri (E).

Note: Angoli Empoli 4 Lucchese 4. Ammonizioni: -; Espulsioni: -; Recupero: 1′ pt – 1′ st. Spettatori: a porte chiuse per emergenza sanitaria.

 

E’ buona l’amichevole degli azzurri contro la Lucchese di mister Francesco Monaco, neopromossa in Serie C. Aldilà del risultato, un rotondo 4-0, la squadra empolese è piaciuta per applicazione e concentrazione, e poi si sono visti sprazzi di bel gioco. Il risultato tra l’altro poteva assumere un punteggio ben più rotondo visti i numerosi legni (quattro pali ed una traversa, ndr) colpiti dagli attaccanti.

Ma andiamo con ordine. L’inizio vede un particolare equilibrio, ed anzi è la Lucchese a rendersi in un paio di circostanze maggiormente pericolosa. Soprattutto al 18′ quando il giovane Nannelli, classe 2000 e maglia numero sette sulle spalle, parte sul filo del fuorigioco beffando la linea difensiva schierata e si porta a tu per tu con Brignoli. Il portiere azzurro è bravo a restare in piedi fino da ultimo ed opporsi alla conclusione.

La risposta dell’Empoli arriva cinque minuti più tardi. Moreo riceve palla a centrocampo in posizione centrale e dal il via ad un’azione personale defilandosi leggermente verso destra, chiede ed ottiene l’uno-due con Zurkowski largo sulla fascia, e si accentra verso l’area di rigore; dai venti metri il sinistro dell’ex Palermo si stampa sul palo.

In pratica è l’azione che demarca il cambio radicale del match, fino a quel momento appunto abbastanza equilibrato. Al 25′ l’Empoli passa in vantaggio al secondo vero affondo. La Mantia riceve palla a centro area, e di fisico si crea lo spazio per palleggiare ed effettuare una spettacolare rovesciata che si insacca sotto la traversa.

Cinque minuti e al terzo affondo l’Empoli raddoppia. E’ il 30′, Zurkowski apre a destra, Mancuso sprinta a destra e si porta sul fondo in un duello fisico con un difensore avversario, cade in area ma da terra e sulla linea di fondo riesce a non perdere il contatto con il pallone e servire a centro area Moreo. Questa volta il numero dieci azzurro con il destro piazza il pallone all’angolino alla sinistra di Coletta.

Al 32′ ancora Moreo protagonista che inizia una nuova offensiva azzurra, l’azione prolungata dell’Empoli porta al tiro Stulac che dai venticinque metri chiude troppo il tiro e spedisce sul fondo.

Al 37′ il tris dell’Empoli. Manovra fatta di sovrapposizioni e triangolazioni a destra, il velo di Zurkowski smarca Fiamozzi che dal lato corto dell’area di rigore pennella per la testa di Mancuso che gonfia la rete. Un gol molto similare a quello segnato lo scorso settembre contro il Perugia in campionato, in quel caso il cross arrivò da sinistra ad opera di Balkovec.

Al 40′ ci riprova Stulac dalla distanza, e questa volta il tiro inquadra la porta ma trova Coletta pronto a respingere con un tuffo proteso alla sua sinistra.

Emozioni fino alla fine della prima frazione, e proprio all’ultimo giro di lancette gli azzurri sfiorano il poker con il secondo legno del match. La Mantia si avventa di testa su un invitante cross dalla sinistra di Bandinelli: palo pieno.

SECONDO TEMPO – Come nel primo tempo inizio intraprendente della Lucchese che tenta qualche sortita offensiva. Si segnala il bravo Nannelli, alla Lucchese dalla Fiorentina, ma empolese che a tratti diventa imprendibile per i difensori dell’Empoli costringendo Fiamozzi a qualche rude entrata. Come al minuto 8′ quando Nannelli sfila tra tre maglie azzurre e viene steso al limite dell’area di rigore ormai involato verso Brignoli. Nessuna sanzione per il difensore azzurro, ma in campionato è giallo tutta la vita, e calcio piazzato in cui Cruciani cerca la precisione, scavalca la barriera ma manda sul fondo un paio di metri dall’incrocio dei pali della porta empolese.

L’equilibrio è solo momentaneo perchè, pur nella girandola dei cambi, l’Empoli riprende la sua marcia e al minuto 17′ sfiora ancora il quarto gol. E’ Bandinelli che, raccogliendo un cross rasoterra da destra, calcia al volo un diagonale che si spegne sul fondo non molto distante dal montante di Coletta.

Al 23′ spettacolare girata al volo di La Mantia, su cross di Piscopo dalla sinistra: traversa piena.

Al 27′ ecco il poker. Lo segna Olivieri, da una manciata di minuti in campo, di testa in tuffo su cross teso dalla sinistra.

Al 35′ Bajrami scappa sul filo del fuorigioco, servito da Olivieri con un ficcante pallone che affetta la difesa rossonera, e a tu per tu con Coletta in uscita prova un diagonale che bacia l’esterno del palo e finisce sul fondo.

Il conto dei pali colpiti dall’Empoli viene aggiornato anche al minuto 45′ quando Olivieri, servito a centro area e pressato da un avversario, pur perdendo l’equilibrio da terra riesce a calciare superando l’estremo Coletta. Solo che il pallone sbatte sulla faccia interna del palo e schizza fuori.

L’esordio in campionato tra quindici giorni, ma da questa partita arrivano buone indicazioni per Dionisi e per la società, comunque ancora alle prese con il calciomercato.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here