Home Sport Toscana Serie C Boschi, presidente del Pontedera: “La Serie C deve diventare semiprofessionistica”

Boschi, presidente del Pontedera: “La Serie C deve diventare semiprofessionistica”

Sul quotidiano La Nazione il presidente del Pontedera Paolo Boschi ha parlato delle riforme che potrebbero riguardare la Serie C: “Secondo me in questo momento sono aperti tanti scenari, fra cui anche quello di una serie B con due gironi da 20 squadre di cui andremmo a far parte. Questo, certo, sarebbe il nostro sogno e credo che in un’ottica di riforme dei campionati una soluzione tale potrebbe avere un 50 per cento di possibilità di essere realizzata. Il tempo comincia davvero a scarseggiare. Come prima cosa la C deve diventare semiprofessionistica perché soprattutto il prossimo anno le spese saranno insostenibili. L’emergenza sanitaria per il coronavirus ha reso l’esistenza difficile a molti club in terza serie, dove sono più che altro i presidenti a mantenere in vita le società. Oggi però chi ha un’azienda pensa a salvaguardare prima quella che la squadra di calcio, com’è logico che sia, e in più si aggiunge il fatto che se, come sembra, dovremo giocare a porte chiuse fino a che non verrà trovato il vaccino al virus, crolleranno anche altri introiti come gli incassi al botteghino o gli sponsor. Alcuni club hanno già iniziato a liberarsi dei contratti più onerosi, mentre altri palesano evidenti difficoltà a far fede agli impegni economici presi. Insomma sarà dura per tutti. Se dovessimo affrontare un nuovo campionato di serie C a carattere professionistico sarebbe un problema anche per noi, non lo nascondo. Per questo dico che è il momento giusto per fare le riforme e di conseguenza aspettiamo con fiducia il pronunciamento di questo consiglio federale. Forse siamo di fronte ad una svolta epocale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here