Home Magazine Buon Compleanno Vip Buon Compleanno a Mary J. Blige

Buon Compleanno a Mary J. Blige


Ne fa 47 di anni oggi, 11 gennaio, una delle voci più belle del R&B internazionale, ma Mary J.Blige è anche altro, infatti oltre ad essere cantautrice è anche modella, produttrice discografica e attrice tanto che ha ricevuto due nominations ai Premi Oscar come migliore attrice non protagonista (e migliore canzone ‘Mighty River’) per il film “Mudbound”

Nata nel Bronx, quartiere newyorkese che sino ai più attuali anni 2000 è stato associato al concetto di criminalità oltre ad essere stata la culla del rap e dell’hip hop. Un quartiere in cui si parlano ben75 lingue differenti e anche se col nuovo millennio molte cose sono cambiate e la zona si è trasformata tanto da perdere la sua connotazione negativa, la nostra Mary, vi è nata e vi ha vissuto nei periodi certamente più difficile e vivendo un’infanzia molto problematica. Alcune cicatrici fisiche e morali le sono rimaste appiccicate addosso e nonostante negli anni la sua carriera professionale viaggiasse a vele spiegate, soffrì di forti depressioni e fu molto tormentata.

Un background che volendo oppure no si è trasferito tutto nella sua musica e nelle vibrazioni della sua voce. Indimenticabile la sua interpretazione ai Grammy Awards del 2002 quando interpretando una toccante versione di “No More Drama” si commosse fino alle lacrime e la sua performance fu riconosciuta come una delle migliori della storia dei Grammy

Una carriera musicale iniziata molto presto, ma l’occasione in cui spiccò il volo fu quando interpretò la cover di Anita Baker (altra grande voce del R&B) “Caught Up in the Raptur”, di cui propongo il duetto sognato dalla stessa Mary J.Blige e che avvenne molti anni dopo quel 1989.


Di lei si accorse un giovane produttore Sean Combs, più conosciuto come Puff Daddy che la aiutò a realizzare il suo primo album “What’s the 411” e che la seguì sino al 1997, dopo l’uscita del terzo album “Share My World”.

Nel tempo l’artista non si è limitata a duettare con la Baker, ma ha condiviso la scena con tanti altri grandi big come Steve Winder, Sting, Whitney Houston, George Michael, U2, Elton John, Aretha Franklin e altri ancora. Ma ascoltate questo duetto, da brividi, due grandi donne in musica, due forti e sofferte personalità, due canali emozionali che si sono uniti per regale un grande spettacolo al pubblico.

Tanti i titoli portati al successo dall’artista newyorkese, come “You remind me”, “Real Love”, “Not Gon’ Cry”, “The Breakthrough”. Quest’ultimo ha venduto 6 milioni di copie in tutto il mondo e più di 3 milioni solo negli Stati Uniti ed è diventato uno dei dischi di maggiore successo nel 2006. Legato tra l’altro all’omonimo progetto cinematografico dedicato alla vita della cantante jazz Nina Simone (nel film interpretata dalla stessa Mary).

Uno tra i duetti più popolari sicuramente quello con George Michael in “As”

Ma anche l’Italia ha raggiunto il cuore della vibrante Mary J. Blige dallo sguardo malinconico. Il 1° febbraio del 2010 sempre ai Grammy Awards interpreta con Andrea Bocelli “Bridge over Troubles water” per raccogliere fondi a favore di Haiti

Nel febbraio del 2010 ha partecipato come ospite al Festival di Sanremo e sempre in Italia, l’uscita dell’album “Stronger with Each teaser” è stata anticipata dal singolo “Each Tear” cantata con Tiziano Ferro

Il suo ultimo album in studio,  il tredicesimo della cantante statunitense, pubblicato nell’aprile 2017, si intitola “Strenght of a Woman”

Patrizia Santini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here