Home Magazine Buon Compleanno Vip Buon Compleanno Caterina Caselli

Buon Compleanno Caterina Caselli

Intanto, sfogliando il suo profilo Instagram, pur non essendoci alcuna immagine a sottolineare questa data, ho trovato invece in quale modo decise di farlo pubblicamente. Era il 2017

Oggi è il mio compleanno e mi sono fatta io stessa un regalo! Oggi infatti sono tornata in possesso di tantissimi miei vecchi nastri e registrazioni – non potete immaginare quanti bei ricordi ci siano in queste scatole. Nei prossimi giorni sarà un piacere ascoltare tante note e rivivere tanti momenti, tante emozioni. Grazie a tutti voi!

 

 

E’ stata la fautrice del successo di artisti come Elisa, Andrea Boccelli, Raphael Gualazzi, gli Avion Travel, ma anche di Malyka Ayane e Giovanni Caccamo, oltre ad altri musicisti ben noti nel panorama musicale italiani, come i Negramaro

 

 

Un re mida della nostra discografia. Un talento fine nello scoprire personalità e qualità di enorme valore. Oggi Caterina Caselli, emiliana doc, modenese per la precisione, è di certo la talent scout più nota d’Italia. Ad attenderla i festeggiamenti per i suoi  73 anni, ma sembra ieri che col suo caschetto biondo faceva impazzire gli italiani con le sue canzoni ‘yè yè. La nota cantante e da anni produttrice discografica, ha vissuto il suo successo infatti soprattutto negli anni ’60.

Il suo primo singolo, dopo un periodo di gavetta trascorso suonando il basso in piccole band con cui rallegrava le serate danzanti nelle balere emiliane, si intitolava Sciocca, ma non ebbe il successo sperato

Quello che invece raggiunse nel 1966, l’anno dopo aver firmato un contratto con la CGD della famiglia Sugar. Deve la sua fortuna indirettamente ad Adriano Celentano che quell’anno si presentò al Festival di Sanremo presentando “Il ragazzo della vi Gluck” (rimasto negli annali della musica italiana) scartando invece la canzone “Nessuno mi può giudicare” già preparata appositamente per lui e che passò di mano a Caterina Caselli che la interpreterà con Gene Pitney. Fu l’inizio della sua ‘storia’. Fu in quell’occasione che si presentò con il celebre ‘caschetto d’oro’ firmato dagli stilisti Vergottini che divenne ben presto imitatissimo e si rivelò essere un elemento fondamentale alla sua riconoscibilità.


Dal matrimonio con Piero Sugar figlio del proprietario dell’omonima casa discografica, avvenuto nel 1970, al suo ritiro dalle scene passarono solo 5 anni. Il tempo di diventare mamma e capire fino in fondo in cosa impegnarsi con più profondità. E così, nonostante qualche incursione nella musica, vinse il suo talento nello scoprire…talenti!

L’uscita dalle scene fu accompagnato con la pubblicazione di un nuovo 33 LP “Una grande emozione”


In chiusura citerei un paio di sue apparizioni canore. La prima dopo 19 anni al Festival di Sanremo con “Bisognerebbe non pensare a te”


e il 25 giugno 2012 per il Concerto per l’Emilia che si è tenuto a Bologna per sostenere le popolazioni emiliane colpite dal terremoto. In quell’occasione ha interpretato la nota “Insieme a te non ci sto più”. A presentare lo spettacolo l’indimenticabile Fabrizio Frizzi

Patrizia Santini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here