Home Sport Carpi irriconoscibile: pesante il Ko di Verona

Carpi irriconoscibile: pesante il Ko di Verona

Zero punti in campionato dopo tre giornate, tre reti all’attivo e ben 9 incassate in 270’, e un ultimo posto in Serie B, per il momento evitato in virtù della pesante penalizzazione inflitta al Foggia

Zero punti in campionato dopo tre giornate, tre reti all’attivo e ben 9 incassate in 270’, e un ultimo posto in Serie B, per il momento evitato in virtù della pesante penalizzazione inflitta al Foggia. Nemmeno i più accaniti sostenitori del catastrofismo avrebbero potuto immaginare un avvio di stagione tanto complesso per un Carpi che, anche a Verona, ha inviato segnali preoccupanti.
Squadra molle, senza idee, incapace di reagire e palesemente disattenta nei momenti cruciali del match. Al cospetto di un Verona, vera corazzata del campionato, in grado di viaggiare per tutti i 90’ senza mai strappare e costantemente in grado di arrivare davanti al malcapitato estremo difensore biancorosso Simone Colombi, alla minima accelerazione. Un 4-1 pesante, nel quale il migliore in campo è stato proprio il portiere, che ben rappresenta le difficoltà di una squadra priva di condizione atletica (come ammesso dal tecnico Marcello Chezzi in sala stampa), senza un’idea di gioco col pallone fra i piedi e costantemente in difficoltà nel momento in cui un avversario la aggredisce sulle corsie laterali. A poco è servito il rientro, e il conseguente esordio stagionale in campionato del capitano Fabrizio Poli, peraltro condito dalla rete ininfluente, che ha fissato il punteggio finale allo stadio Bentegodi. Senza Max Barnofski e Alessandro Ligi, momentaneamente accantonati per motivi tecnici da mister Chezzi, con Enrico Pezzi infortunato e un Tobias Pachonik disattento, la difesa diventa il maggior tema di riflessione nel tentativo di invertire un trend a dir poco negativo. All’orizzonte, sabato 22 settembre, alle 15, la sfida casalinga contro il Brescia di mister David Suazo. Le “rondinelle”, profondamente modificate rispetto alla passata stagione dalla sessione estiva di calciomercato, non sono state protagoniste di un avvio di stagione esaltante: due pareggi casalinghi (Brescia vs Perugia 1-1 e Brescia vs Pescara 1-1) maturati su rimonte degli avversari grazie a reti arrivate sempre oltre il 90’, e una sconfitta, anche questa in rimonta, patita al Picco di La Spezia. Chiari sintomi di una compagine ancora mentalmente da formare che può però fare affidamento su un Alfredo Donnarumma: costante garanzia di reti e pericolosità in questa categoria.

Enrico Bonzanini