Home Magazine Codice della strada: in arrivo una mini-rivoluzione per i ciclisti

Codice della strada: in arrivo una mini-rivoluzione per i ciclisti

Sono in arrivo importanti novità, come emerge dal testo della riforma approdato in Commissione Trasporti alla Camera.
I ciclisti, agli incroci o davanti ai semafori, non dovranno più accodarsi alle auto incolonnate ma avranno la precedenza: in Italia questa è una novità, ma in altri Paesi d’Europa, come l’Olanda è già una prassi consolidata. I ciclisti avranno “una striscia di arresto avanzata” e saranno i comuni a dover indicare una doppia linea davanti ai semafori e agli stop. Inoltre nei centri abitati in cui il limite di velocità è di 30 km/h le biciclette potranno transitare contromano, “indipendentemente dalla larghezza della carreggiata e dalla massa dei veicoli autorizzati al traffico”. Saranno i comuni a dover emettere delle ordinanze ad hoc. Si tratta di una misura già sperimentata in Europa e che secondo i ricercatori non comporta un aumento dei rischi. Un’altra novità che riguarda i ciclisti sarà la possibilità di circolare nelle corsie ora riservate solo ai taxi e agli autobus e di parcheggiare sui marciapiedi e all’interno delle zone pedonali o in apposite aree individuate e segnalate dai Comuni.
Diversi emendamenti presentati in Commissione sarebbero inoltre volti ad introdurre l’obbligatorietà dell’utilizzo del casco e incentivi per il loro acquisto.

Alcune novità riguardano anche gli automobilisti per i quali aumenterebbe il limite di velocità sulle autostrade a tre corsie che viene portato a 150 km/h. Si vuole inoltre vietare, accanto all’uso del telefonino alla guida, anche il fumo. Per i motociclisti si sta valutando la possibilità di inserire l’obbligo di dotarsi di un abbigliamento ‘tecnico’ di sicurezza e di consentire il transito in autostrada anche alle moto elettriche. E per la prima volta, skateboard, monopattini e hoverboard entrano nel codice della strada.

Sono queste alcune delle novità contenute nel testo in discussione: di definitivo non c’è ancora nulla, ma pare prefigurarsi una mini-rivoluzione specie per le biciclette.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here