Home Magazine E’ stato fotografato, per la prima volta, un buco nero

E’ stato fotografato, per la prima volta, un buco nero

E’ stata davvero tanta l’attesa e oggi finalmente è stata presentata la prima foto del buco nero, definita la foto del secolo. Si tratta della prima immagine diretta della fascia più interna che avvolge un buco nero. A scattarla gli scienziati del progetto BlackHoleCam. Un buco nero per definizione non si piò vedere, si può però osservare la materia che viene attirata dall’enorme gravità e le conseguenze: temperature di milioni di gradi, radiazioni, raggi X.

L’M87, così è stato battezzato il buco nero in questione, ha una massa di 6,5 miliardi di volte quella del Sole e si trova nel centro dell’omonima galassia, nella costellazione della Vergine (e non, come ci si attendeva, di quello al centro della Via Lattea, Sagittarius A), a una distanza di 55 milioni di anni luce da noi. E’ particolarmente attivo, divorando un’enorme quantità di materia.

La prima fotografia di un buco nero, si trova nella galassia M87, a 55 milioni di anni luce dalla Terra (Credit: Event Horizon Telescope Collaboration)

“Abbiamo dimostrato che i buchi neri esistono, e che possono essere studiati con osservazioni astronomiche”, – ha spiegato a Focus, Ciriaco Goddi, segretario del consiglio scientifico di EHT (Event Horizon Telescope). “Provare l’esistenza di questi corpi celesti riveste un’importanza fondamentale nella nostra concezione dell’universo. Infatti, i buchi neri sono una delle previsioni principali della teoria della Relatività generale di Einstein”.
La foto è stata ‘sviluppata’ grazie all’osservazione simultanea di otto radiotelescopi in tutto il mondo che hanno puntato contemporaneamente verso lo stesso angolo di cosmo.
La tecnica usata è quella detta della “interferometria a lunghissima base”. I diversi radiotelescopi sono sincronizzati con un orologio atomico e i dati ottenuti sono stati combinati attraverso algoritmi.

La straordinaria scoperta è stata presentata oggi nel corso di sei conferenze stampa internazionali dal progetto Event Horizon Telescope, che ha coinvolto una sessantina di istituti scientifici nel mondo. Al progetto l’Italia ha partecipato con l’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf) e l’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn).

Ecco il video della conferenza:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here