Home Sport Toscana Eccellenza Eccellenza, la proposta del presidente del Fucecchio Lazzeri su come e quando...

Eccellenza, la proposta del presidente del Fucecchio Lazzeri su come e quando ripartire

Di seguito proponiamo alcune riflessioni e proposte che il presidente del Fucecchio Luca Lazzeri ha fatto al sito Almanacco del Calcio Toscano. Ecco di seguito cosa ha detto:

“Stiamo vivendo un momento difficilissimo, troppo particolare per poterlo affrontare in modo “normale”. Per quanto sia possibile e nelle nostre facoltà, c’è bisogno di certezze, e non di ricominciare più in fretta possibile per bramosia avventurandosi in un probabile salto nel buio a livello economico,sanitario e sociale. Pensare alla ripresa dei campionati dilettantistici a settembre o ottobre è un suicidio da un punto di vista economico (sponsorizzazioni in primis) ma anche sanitario (possibile ritorno del virus in autunno) e sociale (giocare a porte chiuse per chi? …noi non andiamo su Sky). Ci sarebbe in estate la massima incertezza nel decidere se iscriversi, se iscritti con quale criterio stabilire un budget per la stagione, con il forte rischio di doversi rifermare subito per qualche caso di contagio. Insomma, secondo il mio modesto parere, troppi punti interrogativi e nessuna certezza in un momento in cui le nostre menti saranno anche particolarmente impegnate per cercare di salvare il nostro lavoro o la nostra attività.
Iniziando tutti i campionati a Gennaio 2021 invece, ci troveremmo davanti ad una situazione sanitaria sicuramente più chiara e delineata, ci sarebbero i tempi giusti per ridiscutere le concessioni degli impianti sportivi con le varie amministrazioni comunali (che adesso non ci ricevono nemmeno), ci sarebbero i tempi giusti per pianificare un programma di possibili sponsorizzazioni da salvare, i tempi per riorganizzare le società con dirigenti e consiglieri che se la sentono ancora di andare avanti nell’anno zero dove tutto deve ripartire da capo. Immagino campionati brevi, tutti composti da gironi di 12 squadre a partire dall’eccellenza fino alla terza categoria. Campionati con costi molto ridotti a livello di trasferte (pullman e ristoranti incidono molto come ben saprete), costi ridotti a livello di rimborsi spese per atleti e staff da spalmare su 4 mesi e mezzo anziché su 9. Campionati giocati davanti alla gente dei nostri paesi a porte aperte.
Sarà dura resistere altri 3 o 4 mesi in più senza la nostra passione, senza il nostro calcio, ma quando torneremo a farlo che sia fatto in modo sereno, con coscienza ed entusiasmo.
In allegato, un documento (mi sono permesso di entrare nei particolari) per mostrare tutti i campionati dall’eccellenza in giù con verdetti per la stagione 2019/2020 e riorganizzazione per la stagione 2020/2021.
Il tutto permetterebbe di ritornare nella stagione 2021/2022 alla normalità, con gironi a 16 squadre, play off e play out, coppa toscana etc etc.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here