Home Sport Toscana Empoli F.C. Fabrizio Corsi a “Quale Futuro?”: “Penso che al 50% si possa ripartire,...

Fabrizio Corsi a “Quale Futuro?”: “Penso che al 50% si possa ripartire, spero ci si venga incontro tra tutte le società”

Fabrizio Corsi è intervenuto questo pomeriggio ai nostri microfoni durante lo speciale “Quale Futuro?”.

Il problema per riprendere è il rispetto dei protocolli sanitari. Se un giocatore risultasse posativi dopo la ripresa potrebbe essere qualificato come infortunio sul lavoro. Come vede questa situazione?

E’ un aspetto delle responsabilità che ne parleremo nel Consiglio di Lega e penso sia un infortunio sul lavoro assimilabile ad altri che possono accadere. Per i protocolli dovremmo valutare quando riprenderemo e sicuramente avrà un costo anche per effettuare tamponi dopo una partita ed anche in prossimità. Mettendo insieme tutti i costi penso che sia una cifra non sostenibile da una squadra di Serie C ma fattibile per le squadre di Serie B. Buona parte delle squadre cerca di trovare un accordo con i giocatori. E’ una situazione da inquadrare economicamente e rapportarla per ogni realtà. 

Lei personalmente come la vede? Si ritornerà in campo?

Penso che al 50% si potrà tornare a giocare, spero venga fuori un “venirsi in contro” da tutte le società rispetto alle precedenti posizioni. Il dubbio è verificare i positivi in maniera approfondita per controllare se hanno avuto delle conseguenze su altri organi.

Probabilmente potrebbe concludersi solo la Serie A. E’ possibile?

Nel caso partirebbero ancora più ricorsi perché se si gioca in Serie A non vedo perché la Serie B non dovrebbe ripartire dato che addirittura il campionato cadetto avrebbe un margine di tempo più esteso per un’eventuale ripresa. Io credo che la settimana prossima si pronuncerà il Governo: tanti stati danno date per la riapertura nel mondo dello sport e della scuola e mi auguro che se la Germania ripartirà anche gli altri stati si debbono adeguare salvo Francia, Belgio e Olanda.

Tra le società della Lega B sembra esserci più unità rispetto a quelle di Serie A. E’ cosi?

Non lo so ma ad occhio ci sono le stesse problematiche, tante squadre vogliono chiudere perché sarebbero avvantaggiate alla situazione attuale. Sulle questione delle televisioni, in Francia prima di chiudere si sono accordati, qui si andrebbe di fronte ad un caos e se ci fosse la chiusura, 5/6 società di Serie A e 8/10 di Serie B sarebbero in difficoltà.

Questa situazione, dopo il mercato rivoluzionario di gennaio, può cambiare obiettivi?

Noi a gennaio abbiamo rifatto totalmente al squadra e questa formazione ci sembra abbondantemente all’altezza. Se si interrompesse saremmo sicuramente più penalizzati per tutti gli investimenti fatti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here