Home Sport Toscana ACF Fiorentina Fiorentina, ecco Lirola: “Voglio lasciare il segno come Borja e Joaquin”

Fiorentina, ecco Lirola: “Voglio lasciare il segno come Borja e Joaquin”

Terza giornata consecutiva di presentazioni per la Fiorentina, oggi è il turno di Lirola accompagnato da Giancarlo Antognoni.

Giancarlo Antognoni ha preso la parola in sala stampa per la presentazione di Pol Lirola: “Speriamo sia un’annata migliore di quella passata. Sono felice di presentare Lirola, finalmente un difensore. Io lo chiamo terzino destro ma credo abbiate capito il ruolo che ricoprirà, sicuramente moderno e di spinta. Poi la fase difensiva gli riesce sicuramente bene. Al Sassuolo ha ottenuto ottimi risultati. E’ anche campione d’Europa con l’Under 21: la Fiorentina gli è stata dietro per molto tempo ed è riuscita a portarlo a casa. Il 10 a Boateng? Credo abbia le caratteristiche e la personalità per poter indossare questa maglia. Ha vinto molto, sicuramente più di me (ride, ndr): credo sia la persona forse più adatta al momento per indossarla”.

Lirola, Sul fatto di migliorare: “Sono giovane e devo ancora migliorare tanto, quest’anno devo fare più assist e crescere soprattutto in fase difensiva. Cosa che ho già fatto in gran parte l’anno scorso”.

Sui suoi riferimenti: “Lahm e Dani Alves”.

Sui rimpianti alla Juve: “No, c’erano grandi campioni e ho potuto farmi le ossa a Sassuolo”.

Sugli ex viola spagnoli: “Non ho parlato con nessuno, ma spero di essere il prossimo a lasciare il segno qui come i vari Borja, Joaquin…”.

Sulla trattativa: “Il mio procuratore mi ha detto dell’interesse della Fiorentina e ho parlato subito con Pradè. Quando ho capito quanto mi volevano mi sono convinto a venire qua, è stato importante”.

Se ha sentito la proprietà: “Sì, Barone l’ho visto qua. Commisso invece l’ho sentito a Montecatini e mi ha dato il benvenuto”.

Se c’è un viola che l’ha impressionato: “Ho giocato tante partite con Chiesa, ed è fuori dal normale: ha una velocità e una potenza che non hanno tanti giocatori. Gli altri li sto conoscendo”.

Sulla mancanza del terzino destro a Firenze: “E’ un orgoglio, dopo tanti anni di ruolo scoperto, che la Fiorentina abbia scelto me. Ho tanta voglia di dimostrare che non hanno sbagliato”.

Sui motivi della scelta viola: “Un anno difficile non toglie la grande storia della Fiorentina. Le prime cose che mi hanno detto è che c’è l’intenzione di fare una squadra migliore dell’anno scorso per puntare sempre più in alto”.

Sul suo ruolo: “Non abbiamo ancora parlato di cose così specifiche. Mi alleno da quasi due settimane, devo prendere il ritmo per arrivare al massimo contro il Napoli. Per il ruolo ci sarà ancora tempo”.

Sulla voglia di conquistare la Nazionale maggiore: “Sicuramente, ma prima devo pensare a far bene qua. Il resto verrà da sé”.

Sull’arrivo di Boateng: “Ho giocato con lui sei mesi, ha tanta esperienza in Serie A e non. Apre gli spazi, fa giocare la squadra e può giocare in tanti ruoli. E’ un giocatore che farà bene”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here