Home Sport Toscana Pisa S.C. Francesco Belli a “Il Nerazzurro di 50 Canale”: “Empoli avversario più difficile...

Francesco Belli a “Il Nerazzurro di 50 Canale”: “Empoli avversario più difficile rispetto al Monza”

Ecco le parole del difensore del Pisa ,Francesco Belli, ieri ospite a “Il Nerazzurro di 50 Canale” del nostro Andrea Orsini.

Il match di Monza: “Si sicuramente sulla carta era una partita difficile ma l’abbiamo affrontata nella maniera giusta, mettendo in grande difficoltà il Monza.
Adesso dobbiamo concentrarci su sabato, affrontando l’Empoli con lo stesso spirito e sono sicuro che ci toglieremo delle soddisfazioni.
Avevamo preparato la partita su questa situazione di coglierli alle spalle della propria difesa.
Volevamo aspettarli più bassi del solito per poi sfruttare la velocità di Palombi”.

Dopo la Salernitana, menomale si gioca subito: “Quella partita è stata vista più in maniera negativa che positiva.
Fortunatamente avevamo subito una partita importante e direi che la rabbia accumulata negli ultimi minuti e nel post-gara si sia vista in campo contro il Monza.”

Gestione del risultato: “Sono tutti aspetti su cui lavoriamo in settimana perché quest’anno siamo stati spesso rimontati.
Credo che a Monza non abbiamo mai avuto la sensazione di essere sotto, in balia dell’avversario, considerando anche che è molto difficile non concedere neanche un’azione al Monza.”

Palombi, doppietta che rivitalizza: “Certamente il goal per un’attaccante è tutto, anche se Simone fa tanto lavoro sporco.
È stato molto sfortunato perché tante volte le sue conclusioni entravano invece in questo periodo sembrava quasi maledetta la porta per lui.
Adesso penso che sarà più libero anche lui.”

Alessandro Quaini – Saper aspettare il proprio turno: “Su Quaini è arrivato quest’anno con un campionato di C alle spalle.
Allenandoci insieme ci siamo resi conto delle qualità che ha.
Su certe cose dovrà maturare ancora un po’, venerdì non si è lasciato intimorire.
La forza della nostra squadra è il gruppo; sapevamo che quest’anno sarebbero state tante le partite ravvicinate.
Sarebbe da sciocchi se quando non giochi una partita tiri i remi in barca.”

Terzini – Tutti giocatori capaci di adattarvi sulle fasce: “Effettivamente abbiamo giocato un po’ tutti sia a destra che a sinistra.
Cambia soprattutto l’impostazione ma non la fase difensiva”.

Precedenti Empoli: “Eh sì diciamo che con l’Empoli non abbiamo un bellissimo ricordo, soprattutto per le partite dello scorso anno.
All’andata di quest’anno è stata una brutta partita sia per il risultato che per la prestazione.
Ora però siamo in un momento diverso con più sicurezze.
Non penserò ai precedenti; non dobbiamo soffermarci al risultato dell’andata, azzerando completamente la partita di andata.”

Un derby: “Per me è un derby. Nel settore giovanile ho spesso affrontato l’Empoli, ed era la partita di cartello.
Visto i precedenti sarà sempre più sentita da noi ma anche per la tifoseria, che vede gli azzurri come una bestia nera.
L’ Empoli è una squadra molto compatta che ha trovato tante certezze sul gioco con tre attaccanti fenomenali.
Rispetto al Monza è molto più squadra, maggior compattezza.
Non prendono tanti goal e cercano di fare la partita.”

Secondo anno a Pisa, rientrato a Monza dopo qualche gara fuori: “In questo anno e mezzo l’unica cosa che mi recrimino sono gli infortuni.
Con il Brescia ho avuto una piccola ricaduta, ed è per quello che i medici hanno avuta più cautela.
Adesso sto bene, ho lavorato tanto e spero di fare un grande finale di stagione a livello personale e di squadra.

Sul campionato: “Uno dei campionati più difficili che ho giocato in B.
Secondo me vedendo la classifica molto corta ci fa capire che il livello è molto alto.”

Personalmente, questa condizione degli stadi vuoti: “Si è una situazione surreale, ormai ci stiamo abituando purtroppo.
Le prime partite sono stati particolari perché senti tutte le voci, e non hai quel pizzico di tensione in più.
Ogni volta dopo un ottimo risultato come Monza tra di noi ci chiediamo come sarebbe stata l’Arena contro l’Empoli.
I tifosi pero si sono fatti sempre sentire anche nei momenti difficili, ci hanno aspettando all’albergo, hanno fermato il pullman, tutte cose per farci sentire il loro affetto.
Anche venerdì sarebbe stato molto bello festeggiare con loro, andare a fare festa nel settore ospiti a Cremona è stato qualcosa di indescrivibile.”

Birindelli: “È un ragazzo molto giovane ed è normale che alternasse le sue prestazioni.
Dopo il lock-down ha invertito la rotta e penso che contro la Salernitana ed il Monza ha fatto due ottime partite.”

Diversa tattica: “L’anno scorso abbiamo giocato tante partite 3-5-2 ed era normale andare più sul fondo e cercare gli attaccanti.
Quest’anno giocando a 4 dietro, cerchiamo più gli scambi dentro il campo e ci arriviamo meno sulle fasce.”

Infortuni: “Vorrei avere un po’ più di fortuna perché poi in carriera non ho avuto grandi problemi.
A Pisa l’esperienza è stata condizionata dagli infortuni, purtroppo è arrivato questo problema che devo mettere alle spalle”.

Mezz’ala: “Mi sento più esterno. Ho fatto una piccola esperienza di sei mesi da mezz’ala e mi sono trovato molto bene.
A tutti giocatori piace essere vicini alla porta e certamente mi piacerebbe giocare da mezz’ala ma in questo momento voglio solo stare bene.”

Contro l’Empoli: “Non dovrà mancare la compattezza che abbiamo trovato in queste ultime partite.”

Obiettivi squadra: “Se vediamo la classifica siamo in quella situazione di limbo che facendo due o tre risultati importanti ci possiamo agganciare ai play off e consolidare la salvezza.
Prima arriviamo a quella soglia della salvezza e prima potremmo sognare qualcosa in più.
Dobbiamo fare passo dopo passo.
L’ambizione fa parte di noi ma bisogna anche essere obiettivi perché se pensiamo a come eravamo partiti poter parlare anche solo di play off era una chimera.
Ora con il lavoro e con il nostro spirito di sacrificio, abbiamo dimostrato a tutti che possiamo stare in questo campionato.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here