Home Sport Toscana ACF Fiorentina Iachini analizza il pareggio della Fiorentina contro il Genoa

Iachini analizza il pareggio della Fiorentina contro il Genoa

Giuseppe Iachini, allenatore della Fiorentina, in conferenza stampa ha parlato dopo la partita contro il Genoa ed il pareggio per 1-1. Di seguito le sue dichiarazioni:

Era la sua prima partita al rientro, come si sentiva a Marassi?
“Sapevamo che poteva essere una partita difficile perché il Genoa ha dei giocatori ottimi, esperti e di qualità. Ballardini sta facendo un grande lavoro, ha rimesso in piedi la squadra, le ha dato un’identità precisa. Alla vigilia era una gara difficile per noi perché ci ritrovavamo dopo 4 mesi e mezzo quasi 5 e dovevamo riprendere certi concetti, certi principi che ovviamente avevamo abbandonato insieme. La squadra ha fatto un’ottima gara, i primi 5/10 minuti abbiamo perso qualcosina, abbiamo commesso un solo errore ed è stato sul gol del Genoa. La prima sbavatura c’è subito costata cara, ma poi non abbiamo concesso più nulla. Anche il palo era in fuorigioco, l’assistente aveva già alzato la bandierina e pur rimanendo in 10 nella seconda parte non abbiamo sofferto quasi nulla, siamo stati ordinati, organizzati, abbiamo messo in fuorigioco i nostri avversari diverse volte quindi con la linea difensiva abbiamo ripreso a fare certi discorsi. Bene così, anche se c’è rammarico perché sia nel primo tempo dopo il pareggio che all’inizio della ripresa abbiamo tutti avuto la sensazione che stavamo attaccando, eravamo come avevo chiesto ai ragazzi, giocavamo in maniera propositiva, accompagnavamo l’azione, facevamo presenza in area, siamo arrivati a ridosso diverse volte con 5/6 giocatori… C’è mancata l’ultima giocata, l’ultimo passaggio, la conclusione finale però la squadra è stata positiva anche nell’andare a giocare per cercare i tre punti. L’inferiorità numerica ci ha un po’ costretto ad avere un certo tipo di atteggiamento però qualche volta siamo ripartiti, abbiamo sfruttato qualche situazione offensiva, potevamo farlo ancora meglio, ma va bene così. Mi è piaciuto lo spirito del gruppo, chi è partito e chi è entrato: tutti hanno dato il loro contributo e la loro partecipazione, è quello che dobbiamo fare”.

Qual è il suo obiettivo in queste partite che mancano alla fine della stagione?
“L’obiettivo è quello di prendere una partita per volta, cercare di fare più punti possibile ed arrivare più in fretta che si può alla salvezza poi vedremo quando ci saremo arrivati dove saremo e cercheremo di onorare fino il fondo il campionato per fare più punti che possiamo. Questo è l’obiettivo cercando di recuperare anche dei ragazzi che magari nell’ultimo periodo non hanno avuto una stagione così brillante e così efficace. Dobbiamo credere che tutti possano darci una mano, che possano aiutare e che riescano ad essere protagonisti in questo finale. Mi aspetto questo dai miei ragazzi, di fare prestazioni importanti in fase difensiva e in fase offensiva. Anno scorso siamo stati la miglior difesa da quando sono arrivato ed uno dei migliori attacchi per gol segnati, dobbiamo riprendere questi discorsi”.

Cosa ha visto nell’ultimo episodio sul contatto tra Eysseric e Zappacosta dove il Genoa ha chiesto il rigore?
“Mi sembra che la cosa sia andata in una certa maniera. Poi c’è il VAR, c’è tutto quindi è una protesta inutile perché non c’era rigore assolutamente. Penso sia stata letta nella maniera giusta”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here