Home Sport Toscana Empoli F.C. L’Empoli scappa anche a Ferrara, poi raggiunto su rigore dalla Spal ....

L’Empoli scappa anche a Ferrara, poi raggiunto su rigore dalla Spal . Finisce 1-1. Terzo rigore dubbio contro consecutivo .

Servizio di Gabriele Guastella

 

SPAL (3-5-2) – 1 Berisha; 4 Tomovic, 23 Vicari, 3 Ranieri; 17 Sernicola (dal 36′ st 41 Dickmann), 7 Missiroli (dal 16′ st 5 Segre), 6 Esposito, 19 Mora, 27 Strefezza; 9 Paloschi (dal 36′ st 29 Asencio), 14 Di Francesco (dal 16′ st 20 Floccari). A disp. 22 Thiam, 97 Gomis, 20 Okoli, 25 Spaltro, 77 Viviani, 80 Seck, 93 Tumminello. All. P.Marino

EMPOLI (4-3-1-2) – 1 Brignoli; 20 Fiamozzi, 6 Romagnoli, 16 Casale, 65 Parisi; 28 Ricci (dal 41′ st 4 Crociata), 5 Stulac, 32 Haas; 11 Bajrami (dal 27′ st 10 Moreo); 19 La Mantia (dal 41′ st 8 Matos), 7 Mancuso. A disp. 12 Pratelli, 3 Terzic, 31 Pirrello, 42 Viti, 43 Nikolaou, 47 Cambiaso, 27 Zurkowski, 30 Damiani, 9 Olivieri. All. A.Dionisi

Arbitro: Sig. M.Mariani di Aprilia (Rossi-Pagliardini | IV Uff.le Marchetti)

Marcatori: 28′ 7 Mancuso (E), 34′ rig. Esposito (S).

Note: Spal 3 Empoli 6. Ammoniti: al 19′ 27 Strefezza (S), al 23′ 65 Parisi (E), al 43′ 9 Paloschi (S). Espulsi: -. Recupero: 0′ pt – 4′ st. Spettatori: 200 (partita giocata a porte chiuse per emergenza sanitaria).

 

L’Empoli di Alessio Dionisi chiude la settimana condizionata dal turno infrasettimanale giocando sul difficile campo della Spal. Assenti ancora Bandinelli e Sabelli per infortunio e Furlan per squalifica, si rivede titolare Fiamozzi a destra con il tecnico azzurro che sceglie Casale a fianco di Romagnoli e al posto di Nikolaou. Ancora titolare a sinistra Parisi, mentre tornano dal primo minuto Bajrami alle spalle della coppia La Mantia-Mancuso.

L’ex tecnico dell’Empoli Marino, che deve fare a meno dello squalificato Valoti, schiera la sua Spal con il 3-5-2, affidandosi in avanti alla coppia d’attacco Paloschi-Di Francesco.

PRIMO TEMPO – Inizio di partita molto equilibrato, con le due formazioni che si rispettano, anche se sono i toscani che con il passare dei minuti prendono il pallino del gioco in mano. Al minuto 8 è Stulac con un tiro da fuori di destro a far registrare la prima emozione del match: Berisha respinge con qualche difficoltà, poi la difesa della Spal si rifugia in angolo per l’assalto al pallone da parte di Mancuso.

La partita è piacevole e giocata su buoni ritmi, non manca anche l’agonismo: scintille tra Strefezza e Parisi, ammoniti entrambi tra il 19′ ed il 23′.

La partita si accende definitivamente al 24′: Paloschi riceve palla da Strefezza e a tu per tu con Brignoli lo supera con un preciso rasoterra, rete subito annullata per fuorigioco, evidente, da parte dell’attaccante spallino che protesta e si innervosisce.

Un minuto dopo (25′) la prima risposta dell’Empoli che prende con decisione la partita in mano. Cross di Stulac dall’altezza del vertice destro dell’area di rigore e colpo di testa di La Mantia sul fondo, mentre sessanta secondi dopo (26′) è La Mantia a servire in area per Bajrami che calcia in porta ma trova l’opposizione in angolo da parte di un difensore della Spal.

L’Empoli capisce che è un buon momento e prova a forzare. E’ il 28′ quando Ricci disegna un bel filtrante sulla trequarti per Mancuso, il numero sette parte in posizione di esterno destro, avanza palla al piede per una trentina di metri portandosi a ridosso dell’area di rigore avversaria, elude l’intervento di Ranieri accentrandosi e spostandosi il pallone sul piede sinistro che usa per battere Berisha con un fulmineo diagonale ad incrociare diretto all’angolino basso opposto.

La Spal ora è in confusione e l’Empoli pressa alto. Minuto 30, Tomovic viene anticipato da La Mantia che si invola in solitaria verso la porta avversaria, salta Berisha ma Vicari lo recupera davanti alla porta sguarnita e salva la sua squadra da un certo 0-2.

Al 35′ altra grande occasione per l’Empoli. Sanguinoso passaggio centrale di Vicari verso Tomovic con palla recuperata da La Mantia, colpo di tacco per Mancuso e triangolazione verso La Mantia a tu per tu con Berisha. Il numero diciannove però controlla male e perde il tempo per calciare in porta, costretto ad appoggiare all’indietro verso Haas, il tiro dell’elvetico è però alto e si perde sul fondo.

SECONDO TEMPO – Squadre in campo senza cambi. Parte meglio la Spal che nei primi cinque minuti è più aggressiva degli azzurri, che comunque nel proseguo della partita e con il passare dei minuti riprendono il pallino del gioco in mano.

Marino allora decide di cambiare qualcosa così all’ora di gioco inserisce Floccari e Segre in luogo di Di Francesco e Missiroli, ne viene fuori che la Spal alza il proprio baricentro e si presenta maggiormente dalle parti di Brignoli collezionando un paio di angoli e un paio di tiri da fuori terminati sul fondo. L’Empoli capisce che ha speso tanto e preferisce giocare di rimessa, Dionisi però vede i suoi stare bene in campo e non effettua cambi.

Al 27′ è costretto al cambio Bajrami, toccato duro da un avversario nel cerchio di centrocampo, al suo posto Moreo che però fatica ad entrare in partita.

Tuttavia la partita non si schioda e anzi con il passare dei minuti la Spal sembra affievolire la sua verve agonistica così Marino pensa ad un nuovo doppio cambio quando l’arbitro Mariani da Aprilia decide di diventare protagonista, un pessimo protagonista.

Casale in alleggerimento tocca debole di testa per Brignoli, che è bravo a restare in piedi e ad opporsi con il corpo al tentativo di pallonetto di Paloschi che si è inserito con la punta del piede destro. La palla schizza sul lato corto destro dell’area di rigore da dove lo stesso Paloschi effettua un cross tagliato rasoterra, Romagnoli in tackle scivolato si allunga sul pallone e anticipa di un metro Segre che poi in corsa si scontra con Romagnoli a terra.

Intervento nettamente pulito sul pallone che Mariani, accucciato a terra a due metri per vedere bene, giudica da rigore, tra l’incredulità di tutti anche dei commentatori Dazn e Rai che subito giudicano un NON rigore quello appena assegnato.

Dal dischetto dopo due minuti di vibranti proteste Esposito calcia all’angolino, Brignoli intuisce ma la palla passa sotto al corpo e termina in rete.

L’episodio del calcio di rigore assegnato alla Spal, Romagnoli anticipa di netto l’avversario colpendo la sfera

La partita cambia totalmente e ora la Spal cerca anche il gol del sorpasso, l’Empoli regge anche ai nuovi cambi di Marino (dentro Asencio e Dickmann per Paloschi e Sernicola, ndr), anche se rischia su un tiro dal limite di poco fuori. Negli ultimi dieci minuti di partita gli azzurri hanno una reazione di rabbia e costruiscono due palle gol con Mancuso, che colpisce sfortunatamente Matos nel frattempo entrato al posto di La Mantia, e Moreo di poco alto di testa.

Finale amaro Al Mazza di Ferrara terzo rigore consecutivo del campionato ai danni della capolista: rabbia e delusione prendono piede nel finale, parole che tramite i microfoni delle tv si comprendono bene anche a beneficio della non presenza dei tifosi allo stadio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here