Home Sport Toscana Empoli F.C. L’Empoli si accende nella ripresa: Mancuso, Matos, Olivieri, la Reggina va al...

L’Empoli si accende nella ripresa: Mancuso, Matos, Olivieri, la Reggina va al tappeto. Tre a zero al Castellani.

Servizio di Gabriele Guastella

EMPOLI (4-3-1-2) – 1 Brignoli; 20 Fiamozzi, 6 Romagnoli, 43 Nikolaou, 3 Terzic (dal 38′ st 47 Cambiaso); 28 Ricci, 5 Stulac (dal 42′ st 30 Damiani), 25 Bandinelli; 11 Bajrami (dal 38′ st 32 Haas); 7 Mancuso (dal 38′ st 19 La Mantia), 8 Matos (dal 24′ st 9 Olivieri). A disp. 12 Pratelli, 22 Furlan, 16 Casale, 23 Zappella, 31 Pirrello, 65 Parisi, 27 Zurkowski. All. A.Dionisi

REGGINA (3-4-1-2) – 1 Guarna; 6 Loiacono, 31 Gasparetto, 13 Rossi; 24 Dalprato (dal 20′ st 92 Situm), 8 Crisetig (dal 20′ st 20 De Rose), 15 Bianchi (dal 30′ st 21 Vasic), 17 Di Chiara; 10 Bellomo (dal 20′ st 11 Mastour); 19 Denis, 99 Rivas (dal 1′ st 90 Folorunsho). A disp. 77 Farroni, 3 Cionek, 4 Stavropoulos, 14 Rolando, 16 Marcucci, 44 Peli, 94 Liotti. All. D.Toscano

Arbitro: Sig. G.Calvarese di Teramo (Pagliardini-Ruggieri | IV Uff.le Paterna)

Marcatori: 2′ st 7 Mancuso (E), 14′ st 8 Matos (E), 37′ st 9 Olivieri (E).

Note: Angoli Empoli 10 Reggina 4. Ammonizioni: al 20′ 3′ Terzic (E), al 23′ 8 Crisetig (R), al 35′ 15 Bianchi (R), al 38′ 24 Dalprato (R); al 4′ st 90 Folorunsho (R), al 44′ st 47 Cambiaso (E). Espulsioni: -. Recupero: 0′ pt – 3′ st. Spettatori: 200 (partita giocata a porte chiuse per emergenza sanitaria).

 

Al Castellani l’Empoli ospita la Reggina di Mimmo Toscano, una neopromossa da prendere con le molle, una formazione ben organizzata e composta da calciatori di primo piano. Una squadra quella calabrese che probabilmente lotterà per un piazzamento Play Off, e che in questo avvio di campionato ha perso la prima gara soltanto nell’ultimo turno in casa contro la Spal, tra l’altro giocando per oltre settanta minuti in inferiorità numerica a causa dell’espulsione diretta di Menez, assente in questa sfida al pari di Lafferty. Due assenze pesanti per la squadra calabrese.

Dionisi invece, alla caccia del riscatto dopo la prima sconfitta stagionale rimediata a Venezia, schiera l’Empoli con il solito 4-3-1-2 ma riserva alcune novità dal primo minuto: confermata la linea difensiva Ricci è titolare in mediana, Bajrami in regia alle spalle della coppia d’attacco inedita Matos (esordio da titolare, ndr) e Mancuso. Gli azzurri alla vigilia di questa sfida recuperano Zurkowski ma perdono Moreo a causa di un problema ad una coscia.

PRIMO TEMPO – La prima frazione di gioco regala poche emozioni. Più equilibrati i primi venti minuti con la Reggina pericolosa solo con un tiro di Di Chiara dal vertice sinistro dell’area di rigore terminata abbondantemente alta sopra la traversa.

Con il passare dei minuti l’Empoli alza il proprio baricentro e costringe gli ospiti quasi costantemente nella propria metà campo. Il pressing offensivo è però sterile perchè gli azzurri, nonostante riescano a collezionare ben sei calci d’angolo, non sono mai pericolosi sottoporta. Si registra una conclusione di Ricci dal limite che termina a lato, una di Stulac ribattuto da un difensore, ed un tentativo di Mancuso con la palla abbondantemente a lato.

2′ – Mancuso esulta dopo il gol dell’1-0

SECONDO TEMPO – Reggina in campo con Folorunsho al posto di Rivas, ed assetto tattico che non cambia.

Due minuti e l’Empoli passa in vantaggio. Bandinelli lavora un buon pallone a sinistra, salta con un doppio passo Delprato ed effettua un cross dal vertice sinistro dell’area di rigore. Il pallone è preciso per la testa di Mancuso, bravo ad anticipare Rossi, che insacca alle spalle di un non perfetto Guarna che si fa scavalcare dalla traiettoria del pallone nell’area piccola.

Al 14′ il raddoppio dell’Empoli. Lancio millimetrico di Ricci per Matos, che scatta sul filo del fuorigioco bruciando Delprato, e fredda con un preciso diagonale Guarna in uscita. Prima rete in azzurro per Ryder Matos e sesta rete nel calcio italiano per il brasiliano.

14′ – Ryder Matos ha appena segnato il gol del raddoppio (primo gol in maglia azzurra)

Sopra di due gol l’Empoli gioca con maggior scioltezza e il gioco ne risente positivamente. Così la Reggina va in affanno e la squadra calabrese appare spaccata in due. Lo intuisce chiaramente Toscano che opta per tre cambi in contemporanea con gli inserimenti di Mastour, De Rose e Situm al posto di Bellomo, Dalprato e Crisetig.

L’Empoli al 23′ va vicino al tris con Bajrami, il suo tiro viene parato in due tempi da Guarna. Un minuto dopo Dionisi effettua il primo cambio del match con Matos che lascia il posto ad Olivieri, e proprio il numero nove azzurro al 32′ tenta di sorprendere Guarna con un tiro da fuori, deviato in angolo da un intervento provvidenziale di un difensore.

L’appuntamento con il gol per Olivieri è rimandato di pochi minuti. Al 37′ Ricci disegna un assist al bacio per Olivieri che si sposta all’altezza del vertice sinistro, salta Loiacono convergendo verso il centro, e lascia partire un rasoterra che supera Guarna con il pallone che passa sotto al corpo.

37′ – Olivieri cala il tris. L’Empoli batte la Reggina per 3-0

L’Empoli ormai è dominatore assoluto della partita e il tecnico Dionisi raggiunta la terza rete inserisce anche Cambiaso, Haas, La Mantia e Damiani ma pretende comunque concentrazione fino alla fine del match, per non subire gol. Lo si intuisce chiaramente quando al 43′ redarguisce Olivieri da cui voleva tocchi di prima anziché un’azione in solitaria in occasione di una ripartenza, e si conferma un minuto dopo quando, in occasione dell’unica sortita offensiva degli ospiti, Cambiaso sbaglia movimento e concede una punizione pericolosa dal limite agli avversari (beccandosi anche il cartellino giallo, ndr). “Andrea o copri o esci…” impartisce al giovane ex Genoa e Alessandria.

La punizione, battuta Di Chiara, è deviata dalla barriera in calcio d’angolo (decisiva la deviazione di Romagnoli, ndr). Poi nei tre di recupero non succede più niente.

Tre punti importanti per l’Empoli contro una temuta e valida Reggina, una buonissima prestazione ed una prova di gruppo. Il fatto che abbiano segnato Matos e Olivieri è di assoluta importanza. Ora la sosta, per gli impegni delle nazionali, con Zurkowski e Moreo che potranno recuperare dai loro acciacchi e con Dionisi che potrà lavorare con un po’ più di calma insieme al gruppo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here