Home Sport Toscana Empoli F.C. L’Empoli non sa più vincere. Pareggio anche contro un modesto Pescara: la...

L’Empoli non sa più vincere. Pareggio anche contro un modesto Pescara: la magia di Ciciretti non basta. Agli azzurri però manca un rigore.

Nel primo tempo gol annullato a Balkovec (tradito da Bandinelli che corre davanti alla porta degli avversari e “disturba” Fiorillo). Al primo fallo degli azzurri subito ammonito Zurkowski. Nella ripresa due pesi e due misure: è rigore per il Pescara (fallo su Maniero), non è rigore per l’Empoli (spinta evidente a due passi dalla porta su Mancuso).

 

Servizio di Gabriele Guastella

 

PESCARA (4-4-2) – 1 Fiorillo; 14 Balzano, 16 Drudi, 6 Scognamiglio, 25 Crecco; 27 Zappa (dal 26′ 10 Pucciarelli), 31 Busellato (dal 46′ st 35 Menegoni), 37 Kastanos (dal 26′ st 13 Clemenza), 8 Memushaj; 11 Galano, 19 Maniero (dal 39′ st 33 Bojinov). A disp. 12 Alastra, 3 Del Grosso, 5 Bruno, 7 Elizalde, 17 Pavone, 20 Palmiero, 21 Mane, 29 Borrelli. All. N. Legrottaglie

EMPOLI (4-3-3) – 1 Brignoli; 14 Pinna (dal 39′ st 23 Gazzola), 35 Sierralta, 6 Romagnoli, 29 Balkovec; 25 Bandinelli (dal 26′ st 38 Henderson), 8 Stulac (dal 39′ st 16 Frattesi), 10 Zurkowski; 11 Bajrami, 9 Moreo (dal 16′ st 7 Mancuso), 37 Tutino (dal 16′ st 17 Ciciretti). A disp. 12 Branduani, 22 Perucchini, 3 Maietta, 4 Nikolaou, 13 Antonelli, 34 Viti, 15 Fantacci. All. P. Marino

Arbitro: G.Ayroldi di Molfetta (Pagnotta-Marchi | IV Uff.le Dionisi)

Marcatori: al 20′ st 17 Ciciretti (E), al 32′ st rig.Maniero (P).

Note: Angoli Pescara 3 Empoli 3; Ammoniti: al 33′ pt 10 Zurkowski (E), al 38′ pt 16 Drudi (P); al 25′ st 14 Balzano (P), al 27′ st 14 Pinna (E); Espulsioni: al 48′ st 12 Branduani dalla panchina; Recupero: 2′ pt – 5′ st. Spettatori: 200 (partita giocata a porte chiuse per emergenza sanitaria).

 

Inizio senza tante emozioni nella sfida dell’Adriatico tra Pescara ed Empoli. La squadra di Marino, rivoluzionata con otto novità dall’inizio rispetto alla sfida di venerdi contro il Benevento, cerca di portare alto il pressing, il Pescara gioca con il 4-4-2 ma è tutto dietro alla linea della palla.

Per la prima emozione bisogna attendere il minuto 14′, quando un cross di Balkovec si trasforma in un insidioso tiro che Fiorillo smanaccia sopra la traversa concedendo l’angolo agli azzurri. Calcio d’angolo che non frutta nessun pericolo.

La risposta degli abruzzesi al 17′ con Memushaj: il suo tiro dal vertice sinistro trova pronto Brignoli alla parata.

Al 18′ Balkovec trova il gol del vantaggio dell’Empoli con una rasoiata da fuori area che sorprende Fiorillo sul primo palo. Il gol viene però annullato per fuorigioco di Bandinelli, che ostacola la visuale dell’estremo difensore degli abruzzesi.

Tre minuti dopo (21′) la risposta dei padroni di casa: Zappa scappa via a destra e dal lato corto dell’area di rigore serve per Galano, tiro incrociato dell’attaccante pescarese con Maniero che arriva con un attimo di ritardo e la palla che muore sul fondo.

Minuto 28. Balkovec salta Balzano con un guizzo sulla sinistra e serve al centro dove Fiorillo smanaccia, il pallone sta per arrivare a Bajrami che deve solo appoggiare in porta, rimasta sguarnita, ma Crecco in due tempi mette in angolo.

 

SECONDO TEMPO – Squadre in campo senza sostituzioni. Al 12′ fiammata di Zurkowski che taglia da destra verso sinistra e con il mancino cerca l’incrocio dei pali alla destra di Fiorillo. Palla sul fondo non di molto. Replica Pescara un minuto dopo con Zappa che semina panico nella difesa azzurra e guadagna angolo: dalla bandierina nessun pericolo.

Superata l’ora di gioco cambia tutto in attacco Marino: fuori un deludente Tutino e Moreo per l’ex Mancuso e Ciciretti. E sono proprio loro due a confezionare il gol del vantaggio al minuto 20′. Mancuso recupera palla a centrocampo e apre a destra per Ciciretti, l’esterno empolese si accentra e con il sinistro lascia partire una parabola imprendibile per Fiorillo, con il pallone che si insacca all’incrocio dei pali.

Il Pescara, subito il gol, cambia e passa al 4-3-3 con gli inserimenti di Clemenza e Pucciarelli al posto di Kastanos e Zappa. E alla mezzora gli abruzzesi pareggiano. Maniero va giù in area in un contatto con Romagnoli. Per l’arbitro è rigore che lo stesso Maniero trasforma. Due minuti dopo però Mancuso va giù in area toccato da Scognamiglio ma per l’arbitro non c’è rigore.

La squadra azzurra si innervosisce e a trarne vantaggio è il Pescara che con Galano in contropiede mette apprensione alla squadra di Marino.

L’Empoli domina letteralmente nel possesso palla ma è troppo lenta nella manovra. E alla fine rimanda ancora una volta l’appuntamento con il successo. La zona Play Off si allontana, con il azzurri superati in classifica anche dal Pisa.

Male, decisamente male.

Male anche l’arbitro Ayroldi di Molfetta: ed è già il secondo arbitraggio certamente poco favorevole agli azzurri. Tutti segnali poco convincenti per questo finale di campionato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here