Home Magazine Interviste Motomondiale SBK Imola: Davies e la Ducati infiammano Imola

Motomondiale SBK Imola: Davies e la Ducati infiammano Imola

Podio - foto di Dario Aio
Podio – foto di Dario Aio

Di fronte ad un pubblico numeroso ed appassionato, la Ducati è tornata a vincere con autorità sulla pista di Imola dopo tre anni di digiuno. Merito di Chaz Davies che non ha lasciato scampo alla coppia Kawasaki, Jonathan Rea e Tom Sykes, finita nell’ordine alle sue spalle.
Dopo aver conquistato la Superpole, il pilota gallese è scattato velocissimo al via provando subito a fare il vuoto. L’unico a provare e resistergli è stato Rea, che però ha dovuto alzare bandiera bianca dopo un errore alla curva Tosa, che gli è costato un dritto. A quel punto ha badato solo a preservare il secondo posto dal possibile attacco di Sykes, che però non è mai riuscito ad impensierirlo seriamente.
Grande protagonista della gara è stato lo spagnolo Jordi Torres, portacolori del team Althea BMW. Un prepotente rimonta, la sua, che lo ho portato a conquistare la posizione migliore dopo gli inarrivabili primi tre, ovvero la quarta. Dopo l’ottima prestazione in Superpole, che gli aveva permesso di partire dalla seconda casella, c’era grande attesa per Davide Giugliano. Il pilota della Ducati ha invece confermato il suo momento poco brillante chiudendo al quinto posto, con un distacco di quasi 20” dal compagno di squadra.
Buona la prestazione di Lorenzo Savadori (Aprilia), ottavo sotto la bandiera a scacchi. Dopo essere stato in bagarre nelle posizioni di testa per qualche giro, ha perso progressivamente terreno nella parte centrale della gara, ritrovando ritmo in quella finale. Un risultato importante, che ne certifica la continua crescita in questo suo primo anno in SBK.
Nella Supersport grande battaglia tra Jules Cluzel e Kenan Sofuoglu per la conquista della pole position. Alla fine ha prevalso il francese della MV sul turco della Kawasaki, ma il duello in gara si annuncia incandescente. Discrete le prove degli italiani, con Lorenzo Zanetti (MV) quinto, Ayrton Badovini (Honda) sesto, Federico Caricasulo (Honda) settimo.
La vetrina mondiale della SBK è stata usata dai fan dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari per comunicare la loro passione per i motori, al di là di ogni schieramento politico. Nello specifico spiccava uno striscione lungo una decina di metri nella Tribuna Centrale che recitava “Imola is F1’s History. Come back Bernie” (Imola è la storia della F1. Bernie ritorna) da parte dell’ex-consigliere Andrea Zucchini. Un chiaro invito al patron della FOM ma soprattutto il messaggio di una Imola che si ricompatta attorno a questo obiettivo fortemente voluto dall’attuale Amministrazione Comunale, a dimostrazione che l’Autodromo è un orgoglio e vanto per tutti gli imolesi.

Podio-gara-1-foto-Dario-Aio
Podio Gara 1 – Dario Aio

Chaz Davies vince gara uno e avvicina in classifica Rea, secondo classificato, terzo Sykes, poi Torres, Giuliano, Camier, 8° Savadori, 15° De Angelis. Ascolta l’intervista al campione.

 

Seconda parte