Home Magazine Ospiti Nek e Max Pezzali presentano “MAX NEK RENGA, il disco”: l’intervista

Nek e Max Pezzali presentano “MAX NEK RENGA, il disco”: l’intervista

“Cantiamo più volentieri le canzoni dell’altro perché le sentiamo nostre”

Sono stati nostri ospiti ieri pomeriggio all’interno del programma condotto da Marco Marini e Barbara Pinotti “Fan Club”. Una volata ad anticipare il concerto che la sera li avrebbe visti sul palco dell’Unipol Arena a Bologna andando a recuperare la data sospesa quest’inverno a causa delle pessime condizioni atmosferiche.
All’appello però è mancato Francesco Renga, tra l’altro il più richiesto dal pubblico che si è assiepato davanti ai nostri cancelli in attesa di vedere arrivare i loro beniamini.

Quanti fan sono arrivati da ogni parte d’Italia pur di avere l’occasione di avvicinarli in una maniera più informale e forse più accessibile. Ognuno col desiderio di poter entrare e stringere la mano a questo trio di recente costituzione e che sembra non avere alcuna voglia di sciogliersi, come sentirete o avete sentito nel corso della lunga chiacchierata ai nostri microfoni. Non è stata una mezz’ora di conoscenza effettiva (tra l’altro sia Max Pezzali che Nek sono spesso da noi e Nek recentemente si è divertito e ha divertito gli ascoltatori facendo il “Dj per Una Sera”)
Ma sentite l’energia dei loro fan ai nostri cancelli.

Più che una partecipazione di conoscenza, la loro è stata una ‘goliardata’, questo è il termine più adeguato a descrivere l’aria scanzonata che si è vissuta insieme a loro tra battute, qualche breve aneddoto relativo ai loro concerti e un sacco di risate.
Si è visto che tra loro esiste davvero un forte feeling, un’amalgama piena di dinamismo, come loro stessi hanno definito l’energia che si trasferisce da uno all’altro. “Non all’unisono, perché ognuno di noi deve mantenere le sue peculiarità”, questo il senso della filosofia che mantiene unito il trio MAX NEK e RENGA.
Proprio come un ascoltatore ha scritto:
“Siete 3 artisti con doni diversi, ma con un cuore grande. Grazie per le belle canzoni che ci fate ascoltare”
E ancora “Siete i miei idoli. Nek il mio primo amore, Max la colonna sonora della mia vita (classe ’92). Vi Amo e quando tutto va male ci siete voi!”
E a proposito di Cuore, è lo stesso Nek che chiede di far entrare tutto il pubblico in attesa ai cancelli. Ed è stato così che nel giro di un nano secondo la folla di fan ha riempito la nostra hall e il corridoio che porta allo studio della diretta, dove, da dietro le grandi vetrate, sono rimasti letteralmente in adorazione dei loro ‘amici-miti’.

Invece a proposito di messaggi inviati per i nostri ospiti, una menzione speciale va a quelli che hanno tentato di coniare un nome per il trio, con l’evidente speranza che non sia solo una fase passeggera la loro costituzione, bensì una nuova realtà. C’è chi vorrebbe si chiamassero “Ma Ne Re”, chi invece “Fi Re Ma” oppure “Re Ma NeK”. Molto apprezzata la versione “FiRe Max”. ‘Ai posteri l’ardua sentenza’ come disse Alessandro Manzoni nel 1821 all’indomani della morte di Napoleone Bonaparte.
Prima dei saluti qualche anticipazione sui sei eventi previsti per la prossima estate e magari la realizzazione di un sogno nel cassetto, un programma tv.
Ed infine l’invito a Max Pezzali di percorrere le orme di Nek, in veste di “DJ per una Notte”. Max si è detto entusiasta, ma accetterà?
‘Ai posteri l’ardua sentenza’… come detto qualche riga fa!

Patrizia Santini