Home Sport Toscana Calcio internazionale Premier League, il City risponde subuto al Liverpool: “Manita” al West Ham!

Premier League, il City risponde subuto al Liverpool: “Manita” al West Ham!

Di Lorenzo Aliberti

Dopo la larga vittoria di ieri del Liverpool contro il Norwich, il Manchester City non sbaglia l’esordio e batte 5-0 il West Ham in trasferta.

WEST HAM-MANCHESTER CITY 0-5

25′ Gabriel Jesus, 51′, 75′ e 92′ Sterling, 86′ rig. Aguero

WEST HAM (4-2-3-1): Fabianski; Fredericks, Balbuena, Diop, Cresswell; Rice, Wilshere (57′ Snodgrass); Antonio (46′ Fornals), Lanzini, Felipe Anderson (66′ Hernandez); Haller. All. Pellegrini

MANCHESTER CITY (4-3-3): Ederson; Walker, Laporte, Stones Zinchenko; De Bruyne (80′ Gundogan), Rodri, David Silva (80′ Foden); Mahrez, Gabriel Jesus (69′ Aguero), Sterling. All. Guardiola

AmmonitiBalbuena (W), Felipe Anderson (W), Walker (M), Sterling (M)

L’equilibrio lo rompe Gabriel Jesus che al 25′ batte Fabianski con tap-in sotto rete su un cross teso di Walker. I ragazzi di Guardiola dominano largamente e ad inizio ripresa arriva subito il raddoppio con il sigillo di Raheem Sterling che batte con il sinistro il portiere ospite in uscita. Al 54′ arriva l’episodio storico per il calcio inglese, ovvero il primo intervento del Var. Infatti il direttore di gara, Mike Dean, annulla una rete per un fuorigioco millimetrico di Sterling che aveva servito l’assist per G.Jesus. Il tris arriva lo stesso al 71′ con ancora Sterling che, con il pallonetto, scavalca Fabianski. Il 3-0 vede ancora l’intervento del Var che convalida la rete confermando la posizione regolare del giocatore inglese. All’86 i citizens calano il poker dal dischetto con il Kun Aguero che spiazza Fabianski. L’argentino realizza il rigore al secondo tentativo poichè al primo tentativo di realizzazione il numero 10 si era fatto neutralizzare il destro ma il tiro dal dischetto è stato ripetuto a causa dell’entrata in area di un giocatore casalingo prima del tiro di Aguero. Nel finale arriva addirittura anche il 5-0 con la firma ancora di Sterling che si porta a casa il pallone.