Home Magazine Curiosità Roberto Benigni sarà Geppetto nel “Pinocchio” di Matteo Garrone

Roberto Benigni sarà Geppetto nel “Pinocchio” di Matteo Garrone

“Pinocchio” uscirà nelle sale cinematografiche tra la fine di quest’anno (2019) e l’inizio del prossimo (2020) e solo da qualche settimana sono comparse le prime foto di scena, un’attesa anteprima dei “lavori in corso”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Svelata la prima immagine ufficiale di “Pinocchio”, nuovo attesissimo film di Matteo Garrone. In scena troviamo Roberto Benigni (un po’ invecchiato rispetto a quanto solitamente appare sul grande schermo) nei panni di Geppetto, mentre davanti a lui, in penombra, c’è Pinocchio col suo inconfondibile cappello. La situazione è un po’ strana, perché Benigni stesso aveva interpretato Pinocchio nel 2002. Le riprese del film sono iniziate il 18 marzo, e proseguiranno per le prossime settimane attraversando varie località italiane tra Toscana, Lazio e Puglia. Federico Ielapi interpreta Pinocchio, mentre a completare il cast, tra gli altri, sono Gigi Proietti(Mangiafuoco), Rocco Papaleo (Gatto), Massimo Ceccherini (Volpe), Matilda De Angelis (Fata adulta), Alida Baldari Calabria (Fatina bambina), Alessio Di Domenicantonio (Lucignolo), Maria Pia Timo (Lumaca), Massimiliano Gallo(Corvo), Marcello Fonte (Pappagallo) e Davide Marotta (Grillo Parlante). #pinocchio #mangiafuoco #matteogarrone #benigni #robertobenigni #lucignolo #grilloparlante

Un post condiviso da Gabry (@nerd_del_futuro) in data:

“Girare finalmente Pinocchio e dirigere Roberto Benigni sono due sogni che si avverano in un solo film. Con il burattino di Collodi ci “inseguiamo” da quando – bambino – disegnavo i miei primi “storyboard”. Poi, negli anni, ho sempre sentito in quella storia qualcosa di familiare. Come se il mondo di Pinocchio fosse penetrato nel mio immaginario, tanto che in molti hanno ritrovato nei miei film tracce delle sue Avventure. Anche con Benigni è stato un “inseguimento” iniziato molto tempo fa: l’ho conosciuto da bambino, grazie a mio padre. Avere finalmente l’opportunità di lavorare insieme è per me un’occasione straordinaria: Pinocchio sarà un film per tutta la famiglia, grandi e piccoli, e nessuno come Roberto – che ha divertito e commosso milioni di spettatori in tutto il mondo – riesce a emozionare il pubblico di ogni età. Lo ringrazio per la fiducia che mi ha dimostrato accettando di condividere con me questa nuova, spericolata avventura”   Matteo Garrone

A firmare la pellicola infatti sarà proprio Matteo Garrone, un regista, 50 anni, non nuovo ai grandi successi. Uno fra tutti “Gomorra” vincitore del Grand Prix Speciale della Giuria al Festival di Cannes, oltre che di 5 European Film Awards, 7 di David di Donatello e nominato ai Golden Globe (riconoscimento statunitense assegnato annualmente ai migliori film ed ai programmi televisivi della stagione. Insieme al premio Oscar ed al premio Emmy, è il maggiore riconoscimento nel settore cinematografico e televisivo).

Lo scorso anno ha diretto un’altra pellicola che si è dimostrata all’altezza dei precedenti, “Dogman” e ancora una volta di stampo realistico. La storia infatti è ispirata al “delitto del Canaro” compiuto da Pietro De Negri. Al Festival di Cannes dello scorso anno premiato il protagonista Marcello Fonte, il ‘Prix d’Interprétation masculine’. Le peculiarità del film hanno permesso a “Dogman” la candidatura dell’Italia per l’Oscar 2019 al miglior film straniero.

E torniamo al nuovo “Pinocchio”, che godrà di un cast ‘stellare’. Infatti oltre a Roberto Benigni che vestirà i panni di Geppetto, Gigi Proietti sarà Mangiafuoco, Rocco Papaleo e Massimo Ceccherini invece saranno il Gatto e la Volpe, mentre la Fata Turchina sarà interpretata da una giovane promessa del cinema italiano, Matilda De Angelis.

E chi interpreterà invece Pinocchio, chi sarà quindi il vero protagonista della storia?

Sarà Federico Ielapi, di soli 8 anni ma già con una carriera alle spalle già ben avviata!

A questo punto che non resta che attendere nuovi aggiornamenti, piccoli sassolini lasciati lungo il tragitto (da ora all’uscita del film) come “Pollicino” (altra notissima fiaba) ha insegnato.

Patrizia Santini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here