Home Music News “Shallow”, dopo l’oscar come Migliore Canzone Originale, ora anche il 1° posto...

“Shallow”, dopo l’oscar come Migliore Canzone Originale, ora anche il 1° posto in classifica

La performance di Lady Gaga e Bradley Cooper, i due protagonisti del film “A star is born”, sul palco del Dolby Theatre (che dal 2002 ospita la cerimonia di assegnazione degli Academy Awards, la cosiddetta notte degli Oscar) il 25 febbraio scorso è stata talmente vibrante e appassionata da proiettare il brano portante la colonna sonora al vertice della classifica americana. Una prima posizione che aveva già guadagnato all’uscita del film.

Il brano, che aveva già conquistato un Grammy Award alla Canzone dell’anno e un altro alla Registrazione dell’anno, negli Stati Uniti lo scorso anno ha debuttato al 14esimo posto della Digital Songs (classifica musicale stilata dalla rivista Billboard che segnala i brani musicali che hanno venduto il maggior numero di singoli digitali negli Stati Uniti) con 12.000 copie vendute in mezza giornata. In crescendo i giorni a seguire, un successo valutato in 58mila copie vendute che ha proiettato “Shallow” al primo posto della classifica diventando la sesta numero uno di Lady Gaga in questa classifica. Come spiegato da lei stessa nel corso di un’intervista “Shallow” che può tradursi con “Superficiale”è il racconto tra due innamorati del bisogno di andare in profondità alle cose e allontanarsi dalla superficie

Dopo l’uscita del film nei cinema statunitensi il brano ha ragggiunto la 5° posizione nella Hot 100, diventando la quindicesima top 10 di Gaga e la prima di Cooper. E come leggo e riporto “Rimase in vetta nella Digital Songs per una seconda settimana consecutiva vendendo 71.000 copie, il 21% in più rispetto alla settimana precedente. Nella sua quarta settimana in classifica,  diventò il singolo di Gaga ad aver trascorso più settimane in vetta della Digital Songs”

Ma il successo ovviamente, come era scontato fosse, invade il mercato internazionale.

La canzone, il cui titolo si può tradurre con “Superficiale” è il racconto tra due innamorati del bisogno di andare in profondità alle cose e allontanarsi dalla superficie

Patrizia Santini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here