Home Music News Village People, forse…. Ritornano!

Village People, forse…. Ritornano!

Non è una fake news, non è una butade, ovvero un’uscita spiritosa o battuta pungente. Come invece si è dimostrata essere una fake news quella che anni fa dava per deceduti tutti i componendi della band californiana per aver contratto l’AIDS. La notizia si diffuse infatti ai primi anni del 2000, ma fu smentita dalle loro apparizioni anche in Italia, nel 2005, presso la comunità gay di Torre del Lago prima e poi il 20 giugno 2010 quando il gruppo si esibì in concerto a Roma.

Da sottolineare però che quanto affermato recentemente da Victor Willis, il ‘poliziotto’ dei Village People, non si tratterebbe di una reunion, ma di una vera e propria ricostruzione del gruppo. Willis aveva abbandonato la formazione nel 1979, per tornare ad esserne la guida dal 2017.

E’ lo stesso Willis a spiegare le motivazioni che lo spingono ad agire ora e con tanta determinazione, alla fine di lunghe dispute legali sulle royalties che gli hanno alla fine permesso di controllare la gloriosa sigla della Can’t Stop Productions. “Non c’era nulla che potessi fare fino al termine della battaglia in tribunale” ha spiegato Willis “e parlo di un nuovo inizio, con nuovi personaggi“.

Per il cantante, compositore e attore statunitense e leader originale del gruppo Village People, sarebbe un vero riscatto, dopo un lungo periodo  di difficoltà e di battaglie anche di altro genere, più personali, più private. Willis ha avuto problemi di dipendenza da alcol e sostanze stupefacenti, che ha risolto nel 2007 dopo un periodo di riabilitazione presso uno dei centri specializzati della catena no-profit Betty Ford.

Prima però di dare un colpo di spugna sulla vecchia formazione e attendere i nuovi sviluppi, ricordiamoli, i Village People, che hanno infiammato platee di tutto il mondo con la loro energia. E nonostante il gruppo abbia subìto spesso dei cambiamenti, fissi erano i membri rappresentati nei video, il poliziotto, il cow boy, il motociclista, il nativo americano, il soldato e l’operaio.


Il loro nome, tradotto letteralmente significa ‘la gente del villaggio’ e si riferisce al Greenwich Village di New York, luogo frequentato dalla comunità omosessuale.

Indimenticabili i loro successi, come “Go west”, “In the Navy”, “Macho Man” e “YMCA”

Patrizia Santini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here