Home Notizie dal territorio Licenziati con un messaggio WhatsApp: “Da lunedì lei sarà dispensato dall’attività lavorativa”

Licenziati con un messaggio WhatsApp: “Da lunedì lei sarà dispensato dall’attività lavorativa”

Logista, la multinazionale monopolista nella distribuzione del tabacco decide di chiudere il sito di Bologna e avvisa tutti i lavoratori con un messaggio WhatsApp inviato sabato 31 luglio verso le ore 22.00.
“Da lunedì 2 agosto lei sarà dispensato dall’attività lavorativa. Cordiali Saluti”.
Sono 65 gli addetti al magazzino di Logista a cui si aggiunge il personale impiegatizio diretto, gli addetti alla vigilanza, il personale delle pulizie.
Circa 90 persone che in meno di 36 ore scoprono di non avere più un lavoro.
Molti di loro sono in ferie”. A denunciare l’accaduto, come si legge in un comunicato stampa pubblicato su internet, è il sindacato Si Cobas.

Nessuno di loro in questi 2 anni di pandemia – continua il comunicato – si era mai fermato a riposare, perché i tabacchi si sa sono considerati attività essenziale.
Persino di fronte allo scoppio di un focolaio la multinazionale non aveva voluto chiudere un solo giorno.
E così mentre gli operai si godono il loro riposo, Logista Italia SpA porta avanti il suo piano di ristrutturazione e approfittando di una crisi generale che però non ha subito, licenzia tutti”.

Secondo il sindacato, alla base di questa decisione vi sarebbe l’intenzione, da parte della multinazionale di spostare i magazzini in altri siti in Italia come Tortona o Anagni, “dove il costo del lavoro è più basso.
Dove ci sono ancora le cooperative, dove si lavora ancora 12 ore al giorno, dove i livelli di inquadramento sono i più bassi previsti dal CCNL, dove non ci sono buoni pasto… dove non c’è il Sicobas, dove non ci sono diritti”.
Per il sindacato il problema del sito di Bologna non sarebbe dunque un problema di produttività bensì di costo del lavoro. (fotografia generica, di Adem AY su Unsplash)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here