Home Notizie dal territorio Green pass falsi: tra questi anche un medico del reparto Infettivi dell’Ospedale...

Green pass falsi: tra questi anche un medico del reparto Infettivi dell’Ospedale di Ravenna

La Procura di Ravenna ha disposto il sequestro preventivo d’urgenza di altri cinque Green pass che si aggiungono ai 79 già sequestrati nell’ambito dell’indagine che ha portato all’arresto del medico bolognese vaccinatore 64enne, residente a Marina di Ravenna, con l’accusa di avere simulato vaccinazioni anti-Covid per far ottenere Green pass a decine di no vax. L’uomo è indagato per falso, peculato e corruzione.

Come scrive la stampa locale, ripresa dall’Ansa, si tratta di certificati verdi di operatori della sanità: nello specifico si tratterebbe di un medico del reparto Infettivi dell’Ospedale di Ravenna e di altri quattro sanitari, tra cui due infermieri del nosocomio ravennate e un’ostetrica di un consultorio.
Questi si aggiungono ad una psichiatra e ad un oculista comparsi nei 79 certificati sequestrati inizialmente.

Nell’interrogatorio di garanzia tenutosi ieri mattina, il medico arrestato avrebbe detto di non avere mai ricevuto denaro da nessuno, ma di essersi solo prestato alla richiesta di no vax a lui convogliati da un guaritore che aveva conosciuto durante alcuni corsi. Avrebbe negato anche di essere un no vax, essendosi lui stesso vaccinato, ma ha detto di essersi prestato, considerando il vaccino pericoloso e nocivo. Coi 79 pass sotto ha indicato chi effettivamente è andato per vaccinarsi e chi per simularlo. In merito alle 13 fiale di vaccino Pfizer ritrovate dagli inquirenti a temperatura ambiente, e dunque ormai inutilizzabili, su un lettino di un ambulatorio, ha parlato di dimenticanza.

Al termine dell’interrogatorio, l’avvocato difensore Carlo Benini ha chiesto i domiciliari. Il Gip Corrado Schiaretti si è riservato la decisione. (fotografia di repertorio dalla pagina Facebook della Questura di Modena)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here