Home Notizie dal territorio Ritrovati resti di ossa di donna nel Modenese: si riapre un “cold...

Ritrovati resti di ossa di donna nel Modenese: si riapre un “cold case”

Resti di ossa umane sono state rinvenute nel Modenese: il ritrovamento è avvenuti ieri, mercoledì 5 maggio, in una zona di calanchi vicino a un poligono di tiro a Sassuolo.

Il medico legale ha confermato che si tratta di ossa di donna e dunque gli inquirenti, in base a quanto riportato dalla stampa locale, stanno valutando se possano essere i resti di Paola Landini, la 44enne misteriosamente scomparsa nove anni fa, il 15 maggio del 2012, proprio in quella zona. La donna, che viveva a Fiorano con il suo compagno, all’epoca direttore del tiro a segno, aveva trascorso la mattinata al poligono di tiro di Sassuolo. La sua auto venne ritrovata vicino al poligono, chiusa con all’interno i suoi effetti personali, il portafogli e due telefonini.

Il rinvenimento delle ossa è avvenuto durante le ricerche di Alessandro Venturelli, il 21enne di Sassuolo, di cui non si hanno notizie dallo scorso mese di dicembre. La scoperta è stata fatta dalle squadre specializzate del Saer (Soccorso alpino e speleologico).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here