Home Notizie dal territorio Lapidi devastate e arredi vandalizzati: sarebbero due giovanissimi i responsabili del raid...

Lapidi devastate e arredi vandalizzati: sarebbero due giovanissimi i responsabili del raid compiuto in un cimitero

Lapidi distrutte, arredi vandalizzati e danneggiati. È il bilancio del raid di cui si sarebbero resi protagonisti, nel pomeriggio dello scorso lunedì 2 maggio, due giovanissimi, un 16enne e un 13enne. I vandalismi, pare per il semplice gusto di una bravata, sono stati messi a segno nel cimitero di Borgo a Cascia a Reggello, in provincia di Firenze.

Le lapidi che hanno riportato danni sarebbero almeno 42, oltre a lampade votive, croci e arredi vari del camposanto. A svolgere le indagini i Carabinieri di Regello, insieme al nucleo operativo radiomobile di Figline Valdarno. Il 16enne è stato denunciato alla Procura dei Minori di Firenze, mentre il 13enne non è imputabile in virtù della sua giovanissima età.

Questa mattina – ha scritto oggi, mercoledì 4 maggio, il Sindaco di Reggello, Piero Giunti, in un post su Facebookho appreso dalle Forze dell’Ordine che sono stati individuati i responsabili dei gravi danni commessi all’interno del cimitero di Borgo a Cascia.
Secondo le prime ricostruzioni della dinamica, si tratterebbe di una deplorevole e un’ingiustificata bravata di due giovani, ma non riconducibile a volontà sacrileghe.
Resta fermo il giudizio pesante sull’accaduto.
Il Comune, qualora le responsabilità verranno confermate, si costituirà parte civile nell’eventuale procedimento a loro carico.
Ringrazio il prezioso e tempestivo lavoro dei Carabinieri della stazione di Reggello che insieme al nucleo operativo e radiomobile di Figline Valdarno, in meno di 24 ore sono risaliti agli autori degli atti vandalici”. (fotografia dalla pagina Facebook di Piero Giunti)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here