Home Notizie dal territorio Sequestra, picchia e violenta la convivente. Pena ridotta perché la donna aveva...

Sequestra, picchia e violenta la convivente. Pena ridotta perché la donna aveva una condotta “troppo disinvolta”

Esasperato dalla condotta troppo disinvolta della donna”. E’ destinata a far discutere la motivazione con la quale a Milano la Corte d’Appello ha ridotto a 4 anni e 4 mesi la condanna nei confronti di un uomo che aveva sequestrato, picchiato e violentato la convivente per un’intera notte, fino alle 7 del mattino, quando erano arrivati i Carabinieri avvertiti dalla figlia.

Come riporta l’edizione locale de Il Corriere della Sera, la condanna in primo grado emessa dal tribunale di Monza con il rito abbreviato era di 4 anni e 4 mesi, poi abbassata poiché la violenza sarebbe avvenuta in un “contesto familiare degradato” e “caratterizzato da anomalie quali le relazioni della donna con altri uomini”.
Motivazione che “non attenua la responsabilità” dell’uomo, ma è “tuttavia indice di una più scarsa intensità del dolo”.

La vicenda risale alla notte dell’8 giugno del 2019 ed è accaduta a Vimercate, in provincia di Monza. A sequestrare la donna nella loro roulotte un romeno 63enne che accusava la convivente, connazionale 43enne, di averlo tradito con uomini conosciuti su Facebook. (fotografia di repertorio)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here